G7 Taormina

I “Sette Grandi” senza una leadership

giovedì 25 maggio 2017 ore 14:15

Il vertice dei G7 (26-27 maggio) non è mai stato, nei suoi oltre quarant’anni di storia, così vicino ad alcune delle aree di crisi internazionali più gravi.

Taormina è a due passi da quel Canale di Sicilia attraversato ogni giorno da centinaia di persone in fuga dalla disperazione, provocata dalla guerra e dalla povertà. Molti di loro, milletrecentoquaranta persone dall’inizio di quest’anno, sono morti durante la traversata.

Taormina è lontana cinquecento chilometri dalla coste libiche e duemila da quelle siriane. Libia e Siria, due paesi in cui la guerra e i conflitti armati hanno fatto centinaia di migliaia di vittime dal 2011.

Bisogna risalire al 1994, a Napoli, sempre in Italia, per ritrovare un vertice del G7-G8 più vicino geograficamente a zone di crisi. Allora, in quell’estate di ventitre anni fa, era la guerra di Bosnia a far sentire la sua eco da quattrocento chilometri di distanza.

La scelta di Taormina da parte del governo italiano, che presiede il G7, era stata fatta proprio per la vicinanza a queste aree di crisi. In particolare, Palazzo Chigi voleva mettere al centro del G7 siciliano il grande tema planetario delle migrazioni, anche se su scala globale il Mediterraneo ne rappresenta solo uno spicchio. La cartina qui sotto mostra infatti che nel 2015 su 65 milioni di persone migranti, soltanto un milione ha attraversato il Mare Nostrum (fonte: Alto Commissariato Onu per i Rifugiati).

A Taormina, però, sarà difficile che l’uomo dei muri, Donald Trump, riesca a fare concessioni sul tema delle migrazioni. Di fronte all’estremismo xenofobo di Trump, gli altri leader da Merkel a Macron, da May a Gentiloni appariranno come dei campioni dell’accoglienza, anche se bloccati nell’immobilismo. L’Europa all’interno del G7 continuerà infatti a non chiedere agli altri partner l’adozione di quei corridoi umanitari invocati dalle Ong che operano nel Mediterraneo. E così sul tema delle migrazioni il vertice del G7 rischia di non andare oltre le dichiarazioni di rito. E di dimostrare di non avere una leadership chiara su un tema cruciale. Vedremo comunque come andrà a finire.

La riunione di Taormina sarà segnata da una presa di posizione sul terrorismo jihadista internazionale, a maggior ragione dopo la strage di lunedì scorso a Manchester. Già oggi, nel vertice Nato di Bruxelles, i 28 membri dell’Alleanza atlantica dovrebbero approvare l’ingresso nella cosiddetta coalizione contro l’Isis.

Nell’agenda del G7 ci sono poi tutti gli altri temi dell’attualità internazionale: dall’economia globale al clima, dai rapporti con la Russia a quelli con l’Iran e la Corea del Nord.

Memos oggi ha ospitato Andrea Goldstein, capo economista di Nomisma, il centro di ricerca su economia e politica italiana e internazionale di Bologna. Goldstein ha lavorato per diversi anni all’Ocse, all’Onu (presso la Commissione economica e sociale per l’Asia e il Pacifico) e alla Banca Mondiale.

Ascolta tutta la puntata di Memos

Aggiornato giovedì 25 maggio 2017 ore 16:12
TAG