prossime lezioni

Un ponte antimafia tra Milano e la Calabria

lunedì 27 marzo 2017 ore 13:44

Un ponte antimafioso tra Milano e la Calabria.

Sarà il filo conduttore dei prossimi incontri del ciclo “Lezioni di antimafia”.

Un ponte tra Milano e chi in Calabria lotta contro la ‘ndrangheta, cerca un riscatto contro il potere delle organizzazioni mafiose, contro l’isolamento in cui le mafie vorrebbero rinchiudere la Calabria.

Il 21 marzo scorso il fondatore di Libera don Luigi Ciotti, dal palco della manifestazione di Locri per la Giornata della memoria e dell’impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie, ha detto: “siamo tutti calabresi”. Era una risposta a quelle scritte (“don Ciotti sbirro”) apparse il giorno prima sui muri di Locri  e riproposte anche nella giornata di ieri a Palermo. Quel “siamo tutti calabresi” esprimeva anche la volontà di  “illuminare” la Calabria, rendere visibile chi combatte le mafie.

Il ciclo Lezioni di antimafia  sta cercando di rendere visibile il ponte tra Milano e la Calabria.

Lunedì 27 marzo, nella sesta lezione nell’auditorium di Radio Popolare, il ciclo ha ospitato Sabrina Garofalo, sociologa, collaboratrice di ricerca presso il Centro Women’s Studies Milly Villa dell’Università della Calabria. Garofalo si occupa di studi di genere, migrazioni, Mediterraneo, mafie ed antimafia. Titolo della lezione:  “Il diritto di avere diritti in Calabria”.

Due settimane dopo, lunedì 10 aprile, sono stati ospiti della settima lezione due presidi calabresi. Pietro De Luca, preside all’Istituto Marignoni Polo di Milano e Pietro Maradei, dirigente scolastico del liceo scientifico “Fortunato Bruno” di Corigliano Calabro, in provincia di Cosenza. Titolo della lezione: “Educare all’antimafia: il ruolo della scuola”.

Mercoledì 26 aprile, ottava lezione: “Le intimidazioni mafiose: storie di imprenditori che resistono”. Ospite Gaetano Saffioti, imprenditore di Palmi (Reggio Calabria). Dopo anni di minacce, estorsioni, ricatti da parte degli uomini della ‘ndrangheta nel 2002 Saffioti decide di denunciare gli esponenti delle famiglie ‘ndranghetiste che lo taglieggiano. Dopo quella denuncia – ha raccontato l’imprenditore calabrese – “sono diventato un uomo libero”, libero di scegliere anche di restare nella sua Palmi: “ho voluto restare nella mia terra – dice – per dimostrare di essere una risorsa”. Da quel 2002 Gaetano Saffioti vive sotto scorta con la sua azienda – oggi ritornata ad essere florida, dopo un primo momento di crisi – trasformata in quello che l’imprenditore ha definito “un avamposto in terra di ‘ndrangheta”.

Le prossime lezioni:

Lunedì 8 maggio, nona lezione: “L’antimafia inventata dai ragazzi. La solidarietà in aula a Denise”. Ci saranno le ragazze e i ragazzi del presidio di Libera “Lea Garofalo”. Lea Garofalo è la giovane donna calabrese, 35 anni, di Petilia Policastro (CR), uccisa dalla ‘ndrangheta. Tra gli assassini  il suo ex compagno Carlo Cosco. Lea Garofalo fu uccisa per aver avuto il coraggio di denunciare le faide mafiose tra la sua famiglia e quella dei Cosco. La figlia di Lea, Denise Cosco, decise di testimoniare al processo di Milano contro il padre ed ex compagno di sua madre, Carlo Cosco. Un processo arrivato poi nel dicembre del 2014 a sentenza definitiva. La Cassazione confermò i 4 ergastoli per l’assassinio di Lea Garofalo, tra cui quello per Carlo Cosco.

Lunedì 22 maggio ci sarà l’ultima e decima lezione. Saremo alla vigilia del venticinquesimo anniversario della strage di Capaci, l’uccisione del giudice Falcone, di sua moglie Francesca Morvillo e dei tre agenti di scorta Rocco Dicillo, Antonio Montinaro e Vito Schifani.

Titolo dell’ultima lezione: “Cosa hanno veramente detto Falcone e Borsellino”. La lezione sarà tenuta da Giuseppe Teri che è stato insegnante a Milano e fa parte della Scuola di Formazione “Antonino Caponnetto” e di Libera Milano.

 

Aggiornato giovedì 27 aprile 2017 ore 10:30
TAG