giulio azzolini

Europa, il declino delle classi dirigenti

lunedì 27 marzo 2017 ore 14:31

La Dichiarazione di Roma è l’ultimo dei numerosi documenti ufficiali sull’Europa. L’ultimo in ordine di tempo. E’ stato firmato sabato scorso dai 27 capi di stato e di governo dell’Unione europea. Senza la Gran Bretagna, ormai di fatto già fuori dall’Europa.

Quel documento sarà anche il primo tra quelli necessari a tracciare il futuro dell’Unione europea?

Due anni fa, le cinque maggiori cariche istituzionali dell’Unione (i presidenti della Commissione, del Consiglio europeo, dell’Eurogruppo, dell’Europarlamento e della Bce) scrissero un corposo documento sul futuro dell’Europa economica e monetaria, con tanto di date e tempi per completarla. Che fine ha fatto?

Quel documento sembra pressochè svanito dalla memoria corta dell’Europa. Il che conferma, non è una sorpresa, che nell’Unione di oggi contano di più i governi che le massime cariche istituzionali.

Ma al di là delle gerarchie interne all’Unione (tra governi e organi comunitari), chi comanda oggi in Europa?

La Dichiarazione di Roma si apre con le seguenti parole: “Noi, leader dei 27 stati membri…”. “Leader”, quindi capaci di guidare scelte e processi politici. Ma è realmente così? Memos ha girato la domanda a Giulio Azzolini, filosofo della politica all’università “La Sapienza” di Roma e autore di Dopo le classi dirigenti. La metamorfosi delle oligarchie nell’età globale (Laterza, 2017).

La tesi di Azzolini, riferita non solo alle vicende regionali europee, è che “l’età globale ha inesorabilmente compromesso le condizioni di esistenza di una classe dirigente in senso proprio”. A comandare rischiano di essere solo “pochi giganti transnazionali”.

Ascolta tutta la puntata di Memos

Aggiornato giovedì 30 marzo 2017 ore 16:12
TAG