la vittoria del no

Renzi rischia anche nel Pd

lunedì 05 dicembre 2016 ore 09:17

Renzi ha affermato nella maniera più chiara e netta la sola cosa che avrebbe potuto dire dopo una sconfitta di questa portata: si è assunto personalmente la responsabilità, si è dimesso, si prepara all’atto finale, all’ultima possibilità che gli rimane, la resa dei conti dentro al Pd. Sulla carta ha ancora la maggioranza nel partito. L’incognita è: quanti continueranno a sostenerlo? E lui avrà ancora la forza per mantenere la segreteria?

Il controllo del Partito Democratico è la sua ultima possibilità per rilanciarsi gestendo dal Nazareno i passaggi più delicati dell’immediato futuro: la formazione del nuovo Governo, il congresso, la strada verso le elezioni politiche con la modifica della legge elettorale.

Ma il voto è una disfatta che potrebbe fare saltare anche gli equilibri formali dentro al Pd. Tra i candidati alla segreteria il presidente della Regione Toscana, Enrico Rossi, è stato il più esplicito a chiedere una nuova guida. Tutte le minoranze però vogliono la testa di Renzi.

Il presidente del Consiglio dimissionario che invitava ieri notte i sostenitori del No a prendere l’iniziativa sulla legge elettorale si riferiva anche agli avversari interni al partito. E implicitamente l’iniziativa di cui si parla è più ampia che non la sola legge elettorale.

Ora le minoranze, in Parlamento e nel Pd, sono protagoniste. Le modifiche alla legge elettorale saranno difficilissime da approvare, con Grillo e Salvini che chiedono il voto subito e il Partito Democratico indebolito dalla dimensione della sconfitta.

Nel partito è cominciato di fatto il congresso. La forza di Renzi rimane l’assenza di una candidatura alla sua successione forte, unitaria e innovativa da parte delle minoranze. Il rischio immediato per il segretario è che dalla maggioranza si comincino a prendere le distanze.  Con un primo effetto, ad esempio, sulla formazione del Governo. Ne potrebbe scaturire una candidatura a Palazzo Chigi non facilmente controllabile, come potrebbe essere quella di Franceschini, per fare uno dei nomi di queste ore, a differenza di un Delrio o di un Padoan, più vicini al segretario.

Aggiornato mercoledì 07 dicembre 2016 ore 15:51
TAG