Il caso RB Lipsia

Contro il calcio in lattina

lunedì 21 novembre 2016 ore 16:01

È la prima squadra dell’ex Ddr in Bundesliga dopo sette anni di assenza, rappresenta una città che ha subito e subisce pesanti i morsi della crisi, è al primo anno nella massima e già riesce a fare paura ai cannibali del Bayern Monaco. Di più: con 8 vittorie e 3 pareggi è al momento prima in classifica, unica imbattuta del torneo.

E allora perché ogni volta che si muove l’Rb Lipsia è contestato dai tifosi avversari? Perché nessuno parla di favola, di cenerentola o miracolo sportivo, come sempre avviene in casi del genere?

Perché il Lipsia è una realtà decisamente particolare, unica, almeno per ora, nel panorama calcistico internazionale. È stata definita una squadra in provetta e per molti rappresenta la deriva definitiva del calcio moderno.

La società è nata solo nel 2009; i risultati di questi anni sono figli dell’investimento di Red Bull, l’azienda che produce la famosa bevanda energetica. Un’azienda che ha imposto il proprio nome al club, che secondo la dicitura ufficiale sarebbe RasenBallsport. Ma tutti sanno cosa significhino davvero quelle iniziali, Rb.

La Red Bull, che investe da anni negli sport, soprattutto in quelli estremi e nei motori, ha creato un’inedita multinazionale del pallone. Oltre al Lipsia, con gli stessi colori e le stesse modalità “coloniali”, fanno parte del network Salisburgo, New York e altri team in giro per il globo.

Tradizione contro commercio“, questo lo slogan che i rivali avversari ogni sabato tuonano contro i tifosi del Lipsia, cui contestano la mancanza di una storia, di passione, di cultura calcistica.

Tutto il contrario il St. Pauli di Amburgo, la squadra dei bassifondi per eccellenza, ambasciatrice di un calcio popolare fatto di 30mila soci e di un’anima sempre fuori dagli schemi.

A Olio di Canfora abbiamo parlato della parabola del Red Bull Lipsia, del calcio di oggi e di quello di domani con Massimo Finizio, socio e già dirigente del St. Pauli.

finizio

Aggiornato lunedì 21 novembre 2016 ore 16:03
TAG