La campionessa aostana

Federica Brignone: “Scio sempre per divertirmi”

mercoledì 09 novembre 2016 ore 09:46

“La stagione non è partita granché bene, ma siamo solo agli inizi. Attendo la trasferta negli Stati Uniti a fine mese per trarre i primi bilanci”.

La prima gara dell’anno di Federica Brignone è stata una delusione. A Soelden, dove un anno fa era per la prima volta salita sul gradino più alto del podio, non è andata oltre il nono posto nel Gigante. Nella prova vinta da Lara Gut la cuneese Marta Bassino, terza, ha fatto molto meglio di lei.

Ma Federica, classe 1990, è il futuro dello sci alpino italiano. Le nostre possibilità di tornare definitivamente grandi nella specialità passano anche e soprattutto da questa ragazza nata a Milano e valdostana d’adozione.

“Sono la prima a voler sempre vincere, è il mio obiettivo ogni volta che mi trovo al cancelletto di partenza” dice.

Tra le ambizioni mondiali e l’amore per la neve e lo sport in generale, l’infanzia e le difficoltà della carriera da professionista, Federica Brignone si racconta a Olio di Canfora.

federica-brignone

Aggiornato mercoledì 09 novembre 2016 ore 09:47
TAG