Il re dell'Ultra Trail

Marco Olmo: “Mica mi posso fermare ora”

giovedì 06 ottobre 2016 ore 06:00

“Gli animali corrono fino all’ultimo, non intendo essere da meno”.

Un paio di anni fa, durante un’intervista alla trasmissione Olio di Canfora, Marco Olmo diceva così. Non ha cambiato idea: due settimane fa ha coperto in 16 ore i 170 km e le sei tappe dell’Ultra Trail della Bolivia, ai 4.000 metri di quota del Salar de Uyuni, e ha aggiunto una nuova coppa in bacheca.

Cinque giorni dopo era di nuovo in gara sugli Appennini e comunicava la 22esima iscrizione personale alla Marathon des Sables, massacrante competizione nel Sahara marocchino.

Marco Olmo è uno personaggio unico, uno dei più straordinari atleti che l’Italia possa vantare. Piemontese, classe 1948, ha lavorato come boscaiolo e camionista, prima di spendere oltre vent’anni in una cementeria nel cuneese.

A 27 anni ha iniziato a correre; a 48, quando gli altri smettevano, la prima gara. Nel 2006 e nel 2007 ha vinto l’Ultra Trail del Monte Bianco, 160 chilometri e quasi 10mila metri di dislivello attorno alla vetta più alta delle Alpi, una delle competizioni più estreme al mondo.

Ha corso in ogni condizione, dal deserto alle altitudini più proibitive. È diventato un mito, celebrato dagli appassionati di ultra trail di tutto il mondo, è stato il protagonista di video e canzoni. A giorni uscirà la sua biografia per Mondadori.

Lo abbiamo intervistato, per chiedergli se continuerà a seguire le tracce degli animali lungo le cime.

marco-olmo

Aggiornato lunedì 10 ottobre 2016 ore 15:52
TAG