i fratelli dardenne

Morire senza nome in terra straniera

lunedì 31 ottobre 2016 ore 15:27

Milano - Belgio, periferia di Liegi tra l’autostrada e un tratto del fiume Mosa. Zone già viste nei film di Jean-Pierre e Luc Dardenne e che i due fratelli cineasti, ricchi di Palme d’Oro, considerano indispensabili per ambientare le loro storie. Sono zone operaie, che hanno visto la nascita e il tramonto delle industrie siderurgiche, con lotte di resistenza quotidiana per mantenere il posto di lavoro e che testimoniano il transito e lo stabilizzarsi degli immigrati, soprattutto dall’Africa.

Nel nuovo film La ragazza senza nome, tutto gira intorno a una donna di origini africane, assassinata e senza identità. A indagare sul caso è la dottoressa Jenny Davin (l’attrice francese Adèle Haenel), guidata dal senso di colpa di non aver aperto la porte dell’ ambulatorio in cui lavora, quando a tarda notte sentì suonare il campanello. L’unico indizio infatti è questo: che la donna senza nome, bussò per chiedere aiuto poco prima di essere raggiunta dal killer.

In un film che ha l’ambizione di chiamare in causa il genere del polar, in una sorta di noir sociale, i Dardenne raggiungono ancora una volta l’obiettivo di raccontare la realtà. In ogni storia che propongono al pubblico, da Rosetta a L’Enfant, passando da Il figlio a Due giorni, una notte i due fratelli analizzano e trasformano in sceneggiatura la realtà che osservono intorno a loro. Se non sono vere, sono plausibili e cotengono elementi legati a doppio filo con le contraddizioni sociali.

Nel caso di La ragazza senza nome, oltre alla tenace e ossessiva ricerca da parte della protagonista di scoprire l’identità della donna uccisa e dell’assassino, la cornice di pazienti dell’ambulatorio è uno spaccato umano e sociale di questa epoca. Così come le persone, legate al crimine e all’illegalità, che Jenny incontra nella sua forsennata indgine.

Infine, come quasi in ogni film di Jean-Pierre e Luc Dardenne il cast tende a essere sempre lo stesso e come se fosse una compagnia teatrale, i due registi portano sempre con se Jérémie Renier, Fabrizio Rongione e Olivier Gourmet. Cambiano solo le donne, protagoniste, come per gli ultimi film in cui hanno recitato Marion Cotillard (Due giorni una notte), Cécile de France (Il ragazzo con la bicicletta) e Arta Dobroshi (Il matrimonio di Lorna) e la memorabile Emilie Dequenne che con Rosetta vinse giovanissima la Palma come miglior attrice nel 1999.

Ascolta l’intervista a Jean-Pierre e Luc Dardenne

Dardenne

Aggiornato mercoledì 02 novembre 2016 ore 18:09
TAG