sul blog di grillo

L’autodifesa di Virginia Raggi. Ma Marra è fuori

mercoledì 07 settembre 2016 ore 18:53

Raffaele Marra, capo di Gabinetto del sindaco, Salvatore Romeo, capo della Segreteria, Paola Muraro, assessora all’ambiente. Sono i fedelissimi di Virginia Raggi, in queste ore, sotto processo nel Movimento 5 Stelle. Dopo un una riunione con il Direttorio Beppe Grillo ha telefonato a Raggi e una prima testa è caduta: Raffaele Marra, l’ex uomo di Alemanno, è stato spostato ad altro incarico.

Lei, la Sindaca, ha affidato la sua autodifesa a un video sul blog di Beppe Grillo

di Virginia Raggi

Facciamo chiarezza. Voglio spiegare con semplicità cosa è accaduto o, meglio, cosa sta accadendo. Stiamo aspettando di leggere il fascicolo della procura che riguarda l’assessore all’Ambiente Paola Muraro. Le ho imposto, per senso di responsabilità nei confronti dei cittadini – che vengono prima di tutti – , di lavorare per mantenere pulita Roma. In merito alla sua posizione non c’è un fatto, un riferimento temporale o un luogo o una circostanza specifica per capire di che si tratta. Non c’è altra informazione. Lo ripeto: vogliamo leggere le carte. Ci auguriamo e chiediamo che arrivino quanto prima. E siate certi che nel caso ravvisassimo profili di illiceità, agiremmo di conseguenza. Sconti non ne abbiamo mai fatti a nessuno e continueremo a non farli. Lo dico chiaro a tutti: saranno i pm a decidere se c’è una ipotesi di reato o si va verso una richiesta di archiviazione. Non i partiti o qualche giornale. Intanto, l’assessore deve continuare ad impegnarsi per ripulire la città. E si metta fine alle polemiche. Non è passato giorno senza che ci sia un attacco, un’accusa. Io ho le spalle larghe e non ho paura. Voglio migliorare Roma. Sono stati giorni e notti di lavoro senza sosta. Mi sto dedicando anima e corpo alla città. Siamo dei cittadini chiamati a ricostruire dopo 30 anni di cancrena di un sistema politico corrotto. Inoltre, ho deciso di prendere dei provvedimenti per la riorganizzazione della macchina amministrativa. Ma ora Roma ha bisogno di altri e più urgenti interventi. Io e la mia giunta siamo stati chiamati a lavorare per questo. Diamo fastidio a qualcuno ma nessuno ci fermerà.

 

Aggiornato giovedì 08 settembre 2016 ore 17:20
TAG