"Duello" Olimpico

Oney Tapia e Diana Bacosi: Rio è per sempre

mercoledì 28 settembre 2016 ore 11:11

Uno ha vinto la medaglia di argento ai Giochi paralimpici nel lancio del disco. L’altra ha festeggiato l’oro olimpico nel tiro a volo femminile.

Uno è nato a L’Havana quaranta anni fa e, giunto in Italia per giocare a baseball, si è costruito una vita qua fino a diventare azzurro, azzurrissimo. L’altra è nata 33 anni fa a Città della Pieve, in Umbria, e, anche se forse non si direbbe, è un caporal maggiore scelto dell’esercito italiano.

Uno ha praticato ogni disciplina: da mazza e pallina al rugby, poi, dopo l’incidente che gli ha cambiato la vita, disco e peso, ma anche le arti marziali; senza scordare l’antica passione per gli sport di squadra. L’altra a Rio esordiva ai Giochi, e lo ha fatto da numero uno.

Uno è diventato “virale” e ci ha fatto sorridere con la mascherina disegnata dalle tre figlie e con quel refrain dei Modà urlato alle telecamere. L’altra ci ha fatto levare in piedi quando è corsa ad abbracciare la connazionale Chiara Cainero, sconfitta in una finale tutta italiana.

Uno è Oney Tapia. L’altra è Diana Bacosi. In occasione della prima puntata del nostro sport magazine Olio di Canfora raccontano i loro Giochi.

tapia-bacosi

Aggiornato giovedì 29 settembre 2016 ore 10:46
TAG