la barriera a calais

Londra costruirà un muro anti migranti

mercoledì 07 settembre 2016 ore 19:32

L’Europa costruisce un altro muro.

L’annuncio choc arriva da Londra, in accordo con Parigi: la Gran Bretagna è pronta a finanziare la costruzione, che dovrebbe iniziare ”molto presto”, di un muro lungo l’autostrada che arriva al porto francese di Calais per fermare i migranti che cercano di salire a bordo dei camion diretti in Inghilterra. Ne dà notizia la Bbc, che cita il sottosegretario per l’immigrazione Robert Goodwill.

Soprannominato dai media britannici ”il grande muro di Calais”, sarà alto quattro metri e correrà per un chilometro lungo i due lati dell’arteria stradale vicina al campo soprannominato “la Giungla”, dove vivono migliaia di migranti. Secondo le stime il progetto dovrebbe costare 1,9 milioni di sterline e fa parte di un pacchetto di misure del governo britannico da 17 milioni di pound per rafforzare i controlli sui confini gestiti insieme alle autorità francesi.

E’ solo l’ultima delle barriere che il Vecchio Continente sta costruendo (o ha annunciato di voler costruire) in risposta alla crisi migratoria di questi ultimi anni:

Ungheria – Serbia. A un anno dalla costruzione del primo ‘muro difensivo’ al confine con la Serbia (175 km di filo spinato, alto 4 metri), l’Ungheria di Viktor Orban ha annunciato nelle scorse settimane una nuova barriera fortificata anti-migranti lungo la stessa frontiera meridionale. Di recente Budapest ha inoltre disposto l’impiego di altri 3 mila poliziotti a protezione del confine meridionale, in aggiunta ai 3.500 già in servizio.

Slovenia – Croazia. Nel novembre 2015 la Slovenia ha cominciato la costruzione di una barriera lunga 80 chilometri presso il villaggio di Rigonce, sul confine con la Croazia, per arginare il flusso migratorio sulla rotta balcanica

Austria – Italia. Dopo settimane di tensioni nella scorsa primavera, sembra invece scongiurata la barriera al confine con il Brennero che Vienna voleva erigere per contenere gli arrivi di migranti dall’Italia, diretti nel resto d’Europa. L’Austria ha però deciso di schierare fino a 2.200 soldati per difendere i suoi confini.

Macedonia – Grecia.  Nel novembre 2015 Skopje ha iniziato la costruzione di una barriera (1,5 km di rete sovrastata da filo spinato) al confine nei pressi di Idomeni, il campo in territorio ellenico divenuto per mesi un gigantesco imbuto per i profughi.

Bulgaria – Turchia. La sua costruzione è cominciata nel 2014 per bloccare i flussi migratori provenienti da Est. La barriera è lunga 30 km ma dovrebbe arrivare a 160.

 

Aggiornato venerdì 09 settembre 2016 ore 14:46
TAG