KONICA MINOLTA DIGITAL CAMERA
Scuola e disabili

Come sempre, anzi peggio

giovedì 29 settembre 2016 ore 06:40

Come ogni anno, anzi peggio. L’anno scolastico in Lombardia è iniziato da due settimane, ma per i circa cinquemila studenti con disabilità potrebbe iniziare molto più tardi. Perché? Perché non ci sono insegnanti di sostegno, perché non ci sono bus per portarli a scuola, perché mancano assistenti all’autonomia e comunicazione così come quelli per le questioni igienico sanitarie.

Nel primo caso la procedura per l’assegnazione prevede che il dirigente scolastico inoltri la richiesta all’ente pubblico locale di riferimento: il Comune per la scuola dell’infanzia, primaria e secondaria di primo grado e la Provincia per la secondaria di secondo grado. Il secondo tipo di assistenza, invece, rientra tra le mansioni del collaboratore scolastico. In entrambi i casi, al momento sono pochissimi i posti assegnati. Insomma, niente assistenza scolastica, niente autonomia, niente inclusione, niente assistenza materiale, niente assistenza all’igiene personale, niente ausilio in entrata e in uscita, niente aiuto nell’apprendimento.

“E alla fineci spiega Alberto Fontana, di Ledha Milano – tutti a scuola tranne i disabili, perché di fronte a questo gravissimo problema le famiglie sono costrette a tenere i propri figli a casa”.

Ascolta qui l’intervista a Alberto Fontana

alberto-fontana-scuola-e-disabili

Aggiornato lunedì 03 ottobre 2016 ore 16:47
TAG