Venezia 73

Tutti quanti voglion fare il jazz

mercoledì 31 agosto 2016 ore 13:41

Venezia - Perché resister non si può al ritmo del jazz

La 73esima edizione della Mostra del Cinema di Venezia sceglie di aprire in modo scoppiettante e all’insegna della leggerezza, dell’ottimismo, dell’amore e soprattutto della musica con il film La la land di Damien Chazelle. Dopo aver sorpreso ed entusiasmato il pubblico con Whiplash, il giovane regista americano abituato a dirigere videoclip ha ripreso in mano un antico progetto di musical, in cui le note jazz non fanno solo da sottofondo, ma sono assolute protagoniste.

E lo dimostra anche il fatto che nelle vesti del cantante della band dei The Messengers, Chazelle abbia scelto John Legend, già Premio Oscar per la meravigliosa Glory, canzone del film Selma. La colonna sonora composta da Justin Hurwitz è parte integrante del film, è parte della sceneggiatura.

Musical, dicevamo, sicuramente con uno sguardo vezzoso rivolto al passato, ma anche un po’ a Bollywood e con un tocco contemporaneo. L’esempio perfetto è la prima scena, in cui si animano canti e balli nel mezzo di un ingorgo su una highway di Los Angeles, proprio là dove Michael Douglas perdeva il controllo in Un giorno di ordinaria follia di Joel Shumacher.

E’ anche una commedia sentimentale, un film d’amore La la land, di quelli con i due protagonisti che prima di capire di essere innamorati l’uno dell’altro entrano in conflitto.

Sebastian e Mia Dolan, interpretati da Ryan Gosling ed Emma Stone, sono tra gli ultimi rimasti con un sogno nel cassetto: lui pianista jazz vorrebbe aprire un locale in stile New Orleans, schifato dall’imbastardimento di questa musica piena di storia e radici; lei vorrebbe fare l’attrice, come le star che serve ogni giorno al bar degli Studios, in cui lavora, alternado provini umilianti. Si incontrano per caso, più di una volta, e cantando e ballando scoprono di amarsi.

Ballano e cantano varie volte, con alcuni momenti che ricordano Tutti dicono I love you di Woody Allen:  e questo è il modo raffinato per far emergere i sentimenti reciproci e per sostituire le scene di sesso, tanto richieste dal box office. Stone e Gosling ce la mettono tutta e con molta ironia, pur non essendo ballerini e cantanti. Anzi, la verità sta nell’imperfezione dei lori movimenti e delle loro esibizioni canore.

Un trucco in più per far dire a Chazelle che tutto si può fare, basta crederci.

 

https://www.youtube.com/watch?v=DBUXcNTjviI

 

Aggiornato giovedì 01 settembre 2016 ore 09:46
TAG