Addio a Gene Wilder

Quanto ridere giovane Frankenstein!

martedì 30 agosto 2016 ore 10:03

Milano - Rimetta a posto la candela!

Si dice Frankenstin! Ma questa volta non poteva andare peggio, perché il Dr. Frankenstin, come ironicamente sottolineava lo scienziato matto all’assistente Igor, non c’è più.

image

Battute inossidabili e ripetute all’infinito che ci hanno insegnato a ridere a crepapelle, soprattutto con il suo film capolavoro, più famoso ed esilarante Frankenstein Junior dell’amico Mel Brooks. Un sodalizio nato grazie all’incontro con la fidanzata del regista: Anne Bancroft, che all’epoca, era il 1963, recitava in teatro con Gene Wilder, in Madre Coraggio e i suoi figli. Jerome Silberman, questo il suo nome, aveva 83 anni, figlio di ebrei russi immigrati e proprio grazie all’incontro nel con Mel Brooks è arrivato al successo, con film dalla comicità pungente, scanzonata, irriverente e rivoluzionaria. Gene Wilder non lavorava più dagli anni ’90 a causa del Morbo di Alzheimer che lo aveva colpito.

image

È stato attore, sceneggiatore e regista, prendendo parte in film che fanno sorridere solo a nominarli: da Per favore non toccate le vecchiette e Mezzogiorno e mezzo di fuoco di Mel Brooks, all’episodio della pecora in Tutto quello che avreste voluto sapere sul sesso di Woody Allen, a Willy Wonka di Mel Stuart o Scusi dov’è il west di Aldrich. Con i suoi riccioloni biondi e gli occhi tondi e azzurri Gene Wilder ha sempre aggiunto qualcosa in più nei film che interpretava: la risata sfrenata.

image

Tra i film che ha diretto, Il fratello più furbo di Sherlock Holmes e negli anni ’80 La signora in rosso e Luna di miele stregata. E poi un lungo sodalizio, quasi demenziale, con l’attore Richard Pryor, diretti da Sidney Poitier in Nessuno ci può fermare e Hanky Panky-Fuga per due, fino agli ultimi lavori considerati politicamente scorretti, come Non guardarmi non ti sento di Arthur Hiller, tutto giocato sulla parodia di sordità e cecità.

image

La sua vita privata fu caratterizzata da quattro matrimoni, con Mary Mercier, Mary Joan Schutz, quello travolgente con l’attrice Gilda Radner, scomparsa nel 1989 per un tumore. E l’ultimo con Karen Boyen.

image

Aggiornato mercoledì 31 agosto 2016 ore 08:54
TAG