incontro englaro-marzano

L’Italia senza cultura dei diritti

venerdì 19 agosto 2016 ore 18:30

Perché in Italia non c’è ancora una legge sul testamento biologico, sebbene siano passati oltre sette anni dalla morte di Eluana Englaro e all’epoca il tema fosse stato trattato come una priorità e un’emergenza?

Perché la parola eutanasia è sparita dal dibattito pubblico?

Perché abbiamo dovuto attendere il 2016 e una condanna della Corte europea per i diritti dell’Uomo per avere una legge sulle unioni civili per le coppie omosessuali, che è considerata la più arretrata d’Europa?

A queste e ad altre domande hanno risposto Beppino Englaro e Michela Marzano, nel corso dell’incontro sui diritti civili a All You Need is Pop, la festa per i 40 anni di Radio Popolare, il 19 giugno 2016.

Ascolta qui l’audio dell’incontro

Beppino Englaro e Michela Marzano

 

Beppino Englaro

Beppino Englaro non ha ancora terminato la sua battaglia giudiziaria (finora sempre vinta) per far rispettare la volontà della figlia Eluana, dato che poche settimane fa il presidente della Regione Lombardia Roberto Maroni ha deciso di fare ricorso contro la condanna che prevede il risarcimento alla famiglia, per il decreto con cui Roberto Formigoni impedì alla sanità lombarda di far rispettare la sentenza della Cassazione e sospendere i trattamenti per la donna.

La lunga vicenda è raccontata nel volume La vita senza limiti. La morte di Eluana in uno stato di diritto, scritto da Beppino Englaro con Adriana Pannitteri, e nella graphic novel Eluana: 6233 giorni di Claudio Falco, Marco Ferrandino e Martina Sorrentino.

 

marzano

Michela Marzano, filosofa e docente all’università francese Paris Descartes, ha lasciato il Partito democratico per confluire nel gruppo misto alla Camera, perché in polemica con la linea del Pd in tema di diritti.

Dopo essersi battuta in parlamento per la legge sulle unioni civili, ha chiesto scusa alle persone gay e lesbiche italiane, per una norma tanto blanda, da cui è stata esclusa la stepchild adoption.

Il suo ultimo libro Papà, mamma e gender racconta la nascita dell’inesistente “teoria del gender” e l’uso politico che ne viene fatto da parte dei contrari all’estensione dei diritti alle persone Lgbt.

Aggiornato venerdì 19 agosto 2016 ore 18:53
TAG