Benedetto della Vedova

Cannabis: basta ipocrisie

domenica 21 agosto 2016 ore 10:30

Raffaele Cantone, presidente dell’Autorità nazionale anticorruzione, si è schierato a favore della legalizzazione della cannabis. Una presa di posizione che ha sorpreso (era contrario) e ha fatto discutere. Tra i tanti interventi c’è stato anche quello del ministro per la Famiglia Enrico Costa, esponente dell’Ncd, assolutamente contrario alla legalizzazione. “Non possiamo alzare bandiera bianca”.

Benedetto della Vedova, sottosegretario agli Esteri, è il primo firmatario del Progetto di legge sulla legalizzazione della cannabis il cui iter è iniziato qualche settimana fa. Risponde con garbo, ma fermezza alle parole del collega di governo.

“Il ministro Costa non ha ragione quando dice: così alziamo bandiera bianca. Io penso che la bandiera bianca la alziamo adesso, con questa normativa. Diamo ai giovani un messaggio devastante: c’è la legge che proibisce l’uso della droga e poi c’è la realtà. Con l’antiproibizionismo mettiamo le cose a posto”.

Lei pensa che Enrico Costa sia un ipocrita?

“Ma no. Costa fa parte dell’Ncd, un partito che notoriamente è proibizionista. Ripeto: con la legalizzazione mettiamo le cose a posto. Usciamo da un’ipocrisia generale”.

Un altro importante magistrato, Nicola Gratteri, dice che non deve passare la legalizzazione della cannabis…

“Gratteri è un uomo coerente. Ha spesso ripetuto che se fosse per lui, proibirebbe anche alcol e tabacco. Io la penso diversamente”.

Cosa cambierà con la nuova legge sulla legalizzazione della cannabis?

“In Italia sarà possibile coltivare per uso personale la cannabis (con un limite di coltivazione di cinque piante) e sarà anche possibile riunirsi in associazioni costituite (massimo 50 membri) per coltivare e consumare la cannabis.

Il secondo punto della legge prevede la libera vendita. Sarà possibile coltivare, trasformare e vendere la cannabis in appositi negozi che avranno avuto la licenza. La vendita sarà possibile solo a maggiorenni. Si potrà tenere fino a 5 grammi addosso (quando sei in giro) e fino a 15 grammi a casa. Il terzo punto riguarda invece la cannabis terapeutica. Toglieremo alcuni dei limiti che ora esistono riguardanti il suo consumo”.

Lo spaccio sarà punito, ma la vendita sarà legale…

“Certo. Come succede in molti Stati degli Usa. Significa avere prodotti certificati. E poi tassati. Invece che dare i soldi alle mafie, questi soldi verranno utilizzati dal pubblico per campagne di interesse sociale”.

Ci sarà una parte della legge che riguarderà la cannabis terapeutica…

“Assolutamente sì. In via di principio, oggi, è possibile utilizzarla. Nei fatti, invece, è impossibile per alcuni pazienti e per alcune patologie. E, poi laddove è possibile diventa estremamente costoso”.

Come verranno utilizzati i proventi per lo stato derivanti dalla tassazione sulla vendita della cannabis?

“Noi abbiamo previsto che un parte di quei fondi vengano utilizzati per campagne pubblicitarie sociali per spiegare, soprattutto ai più giovani, gli effetti dell’abuso delle sostanze nocive, anche quelle legali, come l’alcol e il fumo”.

Perché serve questa legge?

“Perché bisogna passare da una situazione insostenibile: il consumo di cannabis di milioni di italiani per bene in un mercato in mano alle mafie. Perché piaccia o no, questo è un mercato che riguarda milioni di persone. Qualcuno dice anche tre mlioni di persone”.

I tempi per l’approvazione della legge?

“A settembre riparte l’iter. Abbiamo fatto la discussione generale in aula. La discussione sarà nelle commissioni. Spero che la legge, nonostante l’ostruzionismo dell’Ncd. Invito tutti a fare pressione affinché la legge venga approvata presto”.

 

Aggiornato domenica 21 agosto 2016 ore 10:53
TAG