On october 26th, the Haydan hospital we support in northern Yemen has been hit by several air strikes. The first bombing took place at 22:30 local time and last midnight. Miriam, project coordinator in Saada, went this morning Haydan, but could not enter the building because there were still bombs that had not exploded. The hospital is completely destroyed: the emergency room, OPD, IPD, the laboratory, motherhood and the block. But the bombing did not cause any casualties. Only one person was slightly injured. Staff and two hospitalized patients could leave the building after the first strike. This hospital was still functional only for the whole Haydan region which has a population of about 200,000 inhabitants. On average 150 patients had received emergency a week by personnel from the Department of Health that is supported with incentives. The Haydan region bordering Saudi Arabia is in Sa'ada governorate, which is controlled by the Houthis. It is bombarded every day by the coalition led by Saudi Arabia.
nel mirino

Bombe sugli ospedali: MSF lascia lo Yemen settentrionale

sabato 20 agosto 2016 ore 12:15

E’ stato inevitabile per Medici Senza Frontiere : dopo il bombardamento aereo dell’ospedale di Abs del 15 agosto che ha provocato 19 morti e 24 feriti, l’organizzazione umanitaria premio Nobel per la Pace ha deciso di evacuare il proprio staff da 6 ospedali in Yemen settentrionale. Rimane operativo nella parte centrale e meridionale del paese.

Roberto Scaimi , un medico di MSF motiva la dolorosa decisione di ritirarsi dalla zona dove il conflitto è più intenso, non tanto per la natura degli scontri, ma perché questo ennesimo attacco a una struttura sanitaria, il quarto in 12 mesi, ha rappresentato una chiara violazione del diritto umanitario internazionale che sancisce la protezione di ospedali e luoghi dove la popolazione civile viene curata.

Roberto Scaimi è stato in Yemen la prima volta nel 2013 come responsabile delle cliniche mobili; già all’epoca, racconta, il paese , il più povero della penisola araba, aveva tantissime necessità in termini di assistenza sanitaria. E’ poi ritornato nelle stesse zone nel 2015, durante il conflitto, ed ha trovato una situazione drammaticamente peggiorata.

I centri che già lottavano per riuscire a rimanere aperti, erano danneggiati o distrutti. La popolazione aveva dovuto abbandonare le città che venivano bombardate, e sistemarsi in rifugi di fortuna sulle montagne o nelle vallate, senza nessuna protezione dalle interperie. Ebbe modo di notare l’aumento delle patologie legate all’impoverimento. Scioccante il numero di bambini malnutriti. Fu molto doloroso il raffronto con una situazione che già era difficile due anni prima, e che era ancora peggiore.

msf yemen

MSF è stata costretta ad abbandonare una situazione dove la popolazione è allo stremo. La speranza è quella che si tratti di un ritiro temporaneo: la coalizione a guida saudita si è detta disponibile a collaborare per riuscire a dare maggiori garanzie di protezione , ma in questo momento MSF si sente un bersaglio.

Nonostante anche in quest’ultimo caso siano state fornite ad entrambe le parti in conflitto, e quindi anche alla coalizione Saudita, le coordinate GPS della struttura , l’ospedale è stato colpito. Nel 2016 è sufficiente mettere un una qualsiasi mappa satellitare i dati, e la posizione delle strutture sensibili è evidente. E bisogna tener conto del fatto che quando si colpisce un’ospedale, non ci sono solo le vittime dirette, ma ci sono tutte le vittime indirette, quelle che non si potranno più curare.

Delle tante storie che lo hanno segnato, racconta di una bambina arrivata all’ospedale malnutrita e disidratata. Era prossima alla morte ma non perché soffrisse di una malattia grave: era diabetica e le mancava l’insulina: è stato sufficiente reidratarla e darle questo farmaco che costa anche poco, per salvarle la vita. L’assurdità e la violenza delle guerre non sta solo nel peso delle bombe, conclude,ma anche nelle tante morti che si potrebbero evitare se solo si rispettasse un minimo di codice etico.

Ascolta l’intera intervista a Roberto Scaimi

Robero Scaimi medico MSF Yemen

Aggiornato lunedì 22 agosto 2016 ore 14:15
TAG