Theresa May PM britannico

Primi nomi per il nuovo governo inglese

giovedì 14 luglio 2016 ore 05:58

Restano alcune caselle ancora da riempire. Chi sarà il segretario alla Salute? Chi si occuperà di Educazione? Chi di Lavoro e Pensioni?

Ma ci sono già i primi nomi per il nuovo governo inglese, quello che, con Theresa May come primo ministro, dovrà presiedere all’uscita del Paese dall’Unione Europea. Boris Johnson, l’ex sindaco di Londra e tra i maggiori sostenitori della Brexit, è stato nominato agli Esteri. Philip Hammond, ex segretario agli Esteri, diventa Cancelliere dello Scacchiere, quindi il responsabile delle questioni economiche e finanziarie. Amber Rudd va agli Interni e l’euroscettico David Davis si occuperà delle questioni legate all’addio all’Europa.

Il governo che si va a costituire sembra avere un solido orientamento conservatore.

Dopo il primo giorno da premier britannico, sui media inglesi si cerca intanto di interpretare la figura politica di Theresa May, ripercorrendo il suo passato e interrogandosi sulle sue mosse di governo future.

Quello che sembra interessare di più è il modo in cui procederà al “cabinet reshuffle”, il rimpasto di governo. L’Independent annuncia che “Theresa May formerà il governo con più donne nella storia del partito conservatore”. Rispetto, alla “lady di ferro”, Margaret Thatcher, che aveva preferito circondarsi di uomini, la nuova leader ha intenzione invece di circondarsi di donne. “È stata proprio Theresa a lanciare una campagna per eleggere più deputate donna in Parlamento, perché ha sempre creduto che le donne dovrebbero ricoprire delle cariche più importanti nel governo”, ha detto un portavoce della May all’Independent.

“Theresa May nominerà alleate donne per ricoprire posizioni importanti nel governo”, scrive il Guardian. La nuova premier ha intenzione di promuovere un paio di colleghe del partito conservatore, tra cui Amber Rudd, attuale ministro dell’Energia, e Justine Greening, ministro per lo Sviluppo internazionale.  Secondo il Guardian, “con queste nomine si vuole creare un governo più bilanciato dal punto di vista dei sessi”.

Mentre sui media ci si chiede quali saranno le priorità di Theresa May come nuovo premier, sempre sul Guardian si legge tra le opinioni “Theresa May non è liberale, e non c’è da festeggiare per la sua carica di primo ministro”. “Come ministro dell’Interno è stata zelante nel perseguire le politiche di governo più dure. Perché come premier dovrebbe essere diverso?”, riporta il giornale. In particolare le politiche di immigrazione da lei perseguite come ministro dell’Interno, miranti alla riduzione del numero di immigrati in Gran Bretagna, sono “marcatamente illiberali”.

Questi i primi commenti sul nuovo PM britannico, “imprevedibile e moralistico”, come lo  aveva definito il Guardian, che si ritrova già con un’agenda piena. Nei prossimi giorni dovrà occuparsi di formare il governo e presenziare alle prime riunioni di Gabinetto. Non mancheranno, poi, gli incontri con i leader internazionali, con la cancelliera tedesca Merkel e il presidente francese Hollande, e la prima conversazione ufficiale con il presidente americano Obama. Ma, prima di tutto, a lei spetterà l’arduo compito di negoziare gli accordi per l’uscita della Gran Bretagna dall’Unione Europea.

Aggiornato giovedì 14 luglio 2016 ore 17:36
TAG