Effetti collaterali

Flash dall’inferno del G8 a Genova

mercoledì 20 luglio 2016 ore 06:01

E’ giusto definirlo uno strappo. Per chi è sopravvissuto ha segnato un punto di non ritorno. Uno strappo lacerante, di quelli che bruciano per sempre se appena gli permetti di riaffiorare.

Parliamo di Genova, di quei quattro giorni del G8 del 2001 che come una tragedia annunciata spazzò per sempre molte delle nostre certezze. Molti commentatori definiscono quei giorni come “giorni di follia”. Ma una semplificazione di questo tipo è profondamente ingiusta e gravemente offensiva. La “follia” che in questo caso sarebbe“collettiva” da parte di coloro che sono definite forze dell’ordine, escluderebbe una pianificazione che in realtà è stata provata da testimonianze nel corso di processi, dal lavoro diretto di moltissimi giornalisti, tra cui i molti inviati di Radio Popolare, e non da ultimo dai più straordinari registi italiani. Non citeremo qui tutti gli effetti collaterali di quell’inferno in cui siamo stati calati, ma solo alcuni flash per non dimenticare mai quello che è stato.

Da giovedì 19 luglio fino a domenica 22, la città si trasforma in un incubo. Dei flash di quei giorni, ci portano alla memoria i poliziotti, che sembrano cecchini, che dai tetti cominciano dal nulla a sparare lacrimogeni sui manifestanti che percorrono il lungomare di Corso Italia e di Corso Marconi. La polizia comincia a caricare con una violenza selvaggia i manifestanti. In mezzo al corteo spuntano gruppi che indossano dei caschi delle moto. Il volto è nascosto ma sono tanti. Armati di bastoni e di spranghe. Non sono black bloc. Hanno contatti diretti con i dirigenti Digos. Di loro non sapremo mai la provenienza. E non ci basterà mai definirli “infiltrati”. Altro flash la fuga di migliaia di persone verso la collina, per mettersi in salvo. Un elicottero sopra le nostre teste, vola basso. A tratti si teme che possa arrivare qualcosa dal cielo. Ci si rifugia quasi sotto le automobili. Un altro flash ci riporta al sabato, in piena irruzione della polizia alla scuola Diaz. Dalla collina scendono solo ambulanze, non si può raggiungere in macchina la scuola. Scegliamo di salire le scale, sapendo che se compare un agente siamo spacciati. Ci butterà giù e non ci saranno testimoni a raccontare la nostra fine.

Sì, questa è stata Genova. Ma riusciamo a salire e il flash è da girone infernale. Carabinieri schierati, luci dei cellulari di polizia, l’elicottero che sovrasta tutte le urla. E le barelle piene di sangue di ragazzi che vengono portati fuori dalla scuola Diaz. Si, anche questa è stata Genova. Migliaia di persone prese in scacco, centinaia picchiate selvaggiamente nelle strade della città. Con l’uccisione di Carlo, Carlo Giuliani sappiamo che quella via di non ritorno l’abbiamo già imboccata. Nulla sarà come prima. E l’incubo prosegue con l’irruzione alla Diaz e le torture a Bolzaneto.

Anche i flash continuano, dove negli ospedali i giovani massacrati sono piantonati dai poliziotti, ci sono funzionari Digos e spuntano anche quelli della Cia. Un grande disegno in cui il movimento che voleva un altro mondo possibile viene colpito letteralmente a morte. Le diverse anime che componevano la galassia no global spariscono. Non per terrore ma per lo scempio rimasto nella memoria. Nei nostri flash.

Iniziano gli anni bui delle menzogne, delle prescrizioni in cui nessun politico italiano è stato chiamato a rendere conto dell’accaduto. Eppure in quelle ore di violenze efferate Gianfranco Fini, all’epoca vicepremier si trovava nel quartier generale della polizia a Genova. Nessuno gli ha mai chiesto di spiegare quali ordini abbia dato. La magistratura con un lavoro coraggioso coordinato dal pubblico ministero Enrico Zucca, ha ottenuto almeno la condanne ai 25 poliziotti per l’irruzione alla scuola Diaz.

Ma i punti oscuri restano sul terreno. Le piazze, i movimenti, non possono tornare ad esprimersi come in passato con questo macigno, che è ben più di un effetto collaterale, in un Paese che si dice democratico.

Effetti collaterali. Popolazione civile in pericolo è la rubrica a cura di Cristina Artoni, in onda ogni lunedì su Radio Popolare alle 9.20

Ascolta la puntata di Effetti collaterali

Effetti Collaterali Il G8 di Genova

Aggiornato venerdì 22 luglio 2016 ore 12:52
TAG
Italia2001BolzanetoG8GenovaScuola Diaz