No border radio

La radio dei profughi. Griffata (anche) RP

mercoledì 08 giugno 2016 ore 17:06

No Border Radio, 95 Fm, si accende alle 17 di ogni giorno dall’interno dell’EKO Camp, attualmente il più grande dei campi profughi autorganizzati nel nord della Grecia.

Trasmette per qualche ora, in arabo, curdo, inglese e italiano, racconti ed emozioni di numerosi tra gli abitanti del campo. Anche alla musica ci pensano loro: arrivano con i loro cellulari da cui vengono estrapolate le canzoni che poi vengono messe in onda.C’è anche un suonatore di liuto che spesso si esibisce live davanti ai microfoni dell’emittente.

Lo studio, composto da un banchetto, un altoparlante e un’antenna, è sotto un tendone. Come trasmettitore è stato riciclato un vecchio apparecchio di Radio Popolare, che ha lavorato per tanti anni in provincia di Sondrio. Oggi, che è in pensione, continua a fare il suo dovere dal nord della Grecia.

Davide di Macao, uno dei volontari che lavora all’EKO Camp, ci racconta che “l’idea della radio era nata pensando al campo di Idomeni. Mentre con i compagni di Macao ci stavamo organizzando, il campo è stato sgomberato. Allora abbiamo portato le attrezzature in quest’altro campo, anche se non sappiamo quanto rimarrà ancora aperto. E’ quello più popolato della zona: circa 1500 persone, per la maggioranza famiglie con figli piccoli”.

“Poco lontano c’era un altro campo profughi autorganizzato, quello di Hara“, racconta ancora Davide. E’ stato sgomberato nei giorni scorsi e le persone che vivevano in quel campo sono state portate vicino a Salonicco, in un campo fatiscente. Sono stati parcheggiati in un vecchio hangar buio che è stato riempito di tende. Siccome tutte dentro non ci stavano alcune sono state piantate anche fuori. In comune, quelle dentro e quelle fuori, hanno il fondo di ghiaia e l’assenza di materassi“.

 

 

Davide ci racconta che inizialmente pensavano di far girare la radio nei diversi campi della zona, ma poi si sono accorti che No Border Radio era diventata un punto di riferimento per i migranti e per i volontari di EKO Camp e così hanno deciso di restare lì. Almeno sino a quando il campo non verrà sgomberato. Ieri è iniziato il Ramadan e quando arriva l’iftar (la rottura del digiuno del Ramadan, ndr) è dalle frequenze della radio che arrivano le musiche che segnalano l’inizio della serata. Sperando che proprio questa notte non arrivi lo sgombero.

Ascolta qui l’intervista integrale con Davide di Macao

no border radio_Davide di Macao

Aggiornato giovedì 09 giugno 2016 ore 17:57
TAG
MondoGreciaprofughiRadioStorie