lafarge in Siria

Il cementificio francese trattava con l’Isis

mercoledì 22 giugno 2016 ore 05:50

“Questa è una storia di deriva, una storia di zona grigia di quelle che producono le guerre. La storia di un cementificio in Siria, uno dei più importanti e moderni del Medio Oriente, che la sua direzione ha tentato di far funzionare a tutti i costi, al centro di un Paese messo a ferro e fuoco, al prezzo di accordi torbidi e inconfessabili con i gruppi armati circostanti, tra cui l’organizzazione dello Stato Islamico”.

Si apre così l’inchiesta sul cementificio francese LaFarge in Siria, pubblicata oggi su Le Monde.

La storia del cementificio di Jalabiya, città nel nord-est della Siria, comincia nelle mani del gruppo egiziano Orascom, acquisito successivamente da LaFarge nel 2007. La fabbrica, rinnovata, è entrata poi in attività nel 2010. Con una produzione di 2,6 milioni di tonnellate di cemento all’anno, LaFarge è diventata la prima produttrice mondiale di cemento grazie anche alla successiva fusione con la società svizzera Holcim.

Con un valore di progetto stimato a 600 milioni di euro, era uno degli investimenti stranieri più importanti in Siria, oltre a quelli nel settore petrolifero, e uno dei fiori all’occhiello dei cementifici francesi. Cosa fondamentale poi, rappresentava anche un’opportunità di lavoro per la popolazione siriana: la fabbrica contava almeno 250 collaboratori, per la maggior parte del luogo.

La fabbrica, situata tra Raqqa – la capitale dell’Isis in Siria – e la città turca di Kobane, si viene a trovare al centro degli scontri tra le milizie curde e quelle dell’Isis e tra l’esercito siriano e l’opposizione armata. “Fino al 2013, continua la produzione – scrive Le Monde – malgrado l’instabilità crescente nella regione, dovuta alla guerra civile scoppiata nel 2011”.

Ma dalla primavera del 2013, Isis prende il controllo delle città circostanti e il cementificio si trova a negoziare con i jihadisti i diritti di passaggio per i suoi camion e a comprare perfino il loro petrolio. Per poco più di un anno, quindi, LaFarge ha indirettamente finanziato l’organizzazione terroristica e secondo Le Monde, c’è uno scambio di mail che conferma che la direzione della fabbrica a Parigi era al corrente di quello che stava accadendo in Siria.

Il gruppo francese ha così potuto continuare a lavorare fino a quando l’Isis  non ha preso definitivamente possesso della struttura il 19 settembre 2014. Da febbraio 2015, il cementificio è una base delle forze speciali occidentali francesi, americane e inglesi a sostegno delle forze curdo-arabe contro i jihadisti.

Aggiornato giovedì 23 giugno 2016 ore 13:34
TAG
MondoFranciaIsisSiria