i commenti

Ballottaggi 2016: vincitori, vinti e Renzi

lunedì 20 giugno 2016 ore 16:34

Ecco tre spunti, tra i tanti, offerti dai ballottaggi per le comunali di ieri.

  1. Da Milano a Roma, da Torino a Napoli, la partecipazione ai ballottaggi è scesa intorno al 50%. A Napoli, addirittura al 36%. Che sia Raggi o Sala, Appendino o De Magistris, nessuno ha fatto da traino ad un aumento dell’affluenza rispetto al primo turno. Perché?

  2. il caso Torino: la neo sindaca Chiara Appendino, del M5S, si è presentata nel ruolo di custode di un’eredità cittadina, più che promotrice di una cesura col passato. Perché?

  3. il caso Milano: il neo sindaco Beppe Sala è un esempio di “desistenza” al renzismo, né alternativo né fedele esecutore del progetto politico di Renzi. E’ stato questo il tratto distintivo di Sala nella fase finale della lunga campagna elettorale milanese, iniziata oltre sei mesi fa. Strategia elettorale o nuovo modello di governo della città?

Tre interrogativi che abbiamo girato a Luca Alessandrini, direttore dell’Istituto “Ferruccio Parri” di Bologna, e Fabio Bordignon, politologo dell’Università di Urbino.

Clicca per ascoltare Alessandrini e Bordignon

Vincitori e vinti

Due commenti specifici sui risultati di Roma e Torino: le opinioni di Christian Raimo, giornalista e scrittore; e di Ugo Mattei, giurista, tra i promotori della campagna referendaria del 2011 per l’acqua bene comune.

Clicca qui per ascoltare Raimo e Mattei

Aggiornato mercoledì 22 giugno 2016 ore 16:28
TAG