Milano

Sala Parisi: la vigilia dello scontro

lunedì 30 maggio 2016 ore 08:30

Nella sua ultima intervista a Radio Popolare, sabato scorso, Giuliano Pisapia non ha nascosto la preoccupazione: “Questa città è diventata affascinante, è ormai al centro del mondo e il rischio è di lasciarla in mano al centrodestra -ha detto- ma credo che se sapremo lavorare bene in questa ultima settimana non lo faremo”.

Giuseppe Sala e il centrosinistra hanno bisogno di un buon risultato al primo turno per presentarsi con più solidità al ballottaggio. Fino a oggi la strategia di Sala è stata quella di guardare soprattutto al centro. Lo ha detto con chiarezza negli studi di via Ollearo, a inizio della campagna elettorale. Sala è stato molto tra le persone, ha girato i quartieri della città, ha ascoltato e si è confrontato.

Quello che è mancato, fino a oggi, è il calore della campagna elettorale del 2011. Erano diversi i contesti: allora Milano usciva da 20 anni di amministrazioni della destra e Pisapia era la speranza del cambiamento. Al governo c’era Berlusconi nella fase declinante e drammatica delle “cene eleganti”. La sinistra era unita, piena di entusiasmo e Milano era considerata il laboratorio per costruire architetture e progetti di portata nazionale.

Cinque anni dopo, il mondo è cambiato: al Governo c’è Renzi, a ottobre ci sarà il referendum sulla Costituzione e il voto rappresenterà probabilmente il momento di massima tensione all’interno del campo che fu il centrosinistra di allora. A Milano Pisapia non si è ricandidato e Giuseppe Sala, dopo avere vinto le primarie, ha puntato molto sulla valorizzazione della sua professionalità di manager. La sinistra non è più unita e i voti si disperdono tra le liste che sostengono Sala, quelle che stanno con Basilio Rizzo e in parte anche nell’area del Movimento 5 Stelle e altrove.

Quanto entusiasmo saprà recuperare Sala negli ultimi sette giorni? Quante “cose di sinistra” dirà, pensando a quei voti in vista del primo turno e guardando al ballottaggio?

A destra, la situazione è inversa: Parisi ha provato, col suo profilo di manager, a smorzare i toni, a nascondere lo scivolamento della coalizione su posizioni sempre più radicali di destra. I centristi sono scomparsi. Forza Italia non si è mai vista così poco. Ha dominato la Lega, ormai un partito di estrema destra. Non solo perché annoveri tra i candidati rappresentanti fascisti di Lealtà e Azione, come denunciato da Radio Popolare. Salvini ha portato il partito nell’area della destra estrema e radicale europea. All’inizio della campagna elettorale, a Milano ha organizzato un convegno internazionale della destra dove i protagonisti sono stati Marine Le Pen e gli austriaci del Fpoe, il partito di Norbert Hofer, la cui elezione a Presidente della Repubblica è stata scongiurata per poche decine di migliaia di voti. In questi giorni tragici in cui centinaia di migranti annegano nel Mediterraneo, Salvini ha urlato al genocidio dei popoli europei causato dai migranti.

Il volto laico di Parisi non può coprire tutto questo. Il centrosinistra, però, sbaglierebbe se pensasse che sia sufficiente la paura della destra di Salvini per vincere a Milano.

Aggiornato martedì 31 maggio 2016 ore 09:39
TAG