le accuse, le reazioni

L’arresto di Simone Uggetti, sindaco di Lodi

martedì 03 maggio 2016 ore 17:12

Avrebbe cucito su misura il bando pubblico per la società “amica”, escludendo di fatto tutte le altre. Con l’accusa di turbativa d’asta è stato arrestato il sindaco di Lodi Simone Uggetti, del Partito democratico. Insieme a lui, è finito in manette anche Cristiano Marini, avvocato lodigiano e membro del consiglio di amministrazione della Sporting Lodi, la società che ha vinto l’appalto incriminato, e di un’altra partecipata comunale, la Astem SpA.

L’indagine è partita quando, a metà marzo, una dipendente si è rivolta alla Guardia di Finanza e ha presentato un esposto sull’appalto. La donna si era rifiutata, già da gennaio, di seguire le indicazioni del sindaco per realizzare un bando su misura per la Sporting Lodi, nonostante le insistenze del primo cittadino. Con il bando pre-confenzionato per la Sporting Lodi, alla fine ha partecipato alla gara solo un’altra società, ma la base d’asta, di cinquemila euro, arriva solo a 7.500 euro, per un appalto che garantisce ricavi annui da circa 300mila euro.

La Sporting gestiva già un’altra piscina coperta in città, che era stata costruita in project financing per un costo complessivo di 13 milioni di euro. L’appalto era stato assegnato dall’allora giunta Guerini, mentre i lavori si erano conclusi durante il mandato amministrativo di Uggetti. In città aveva suscitato clamore e proteste, un paio di settimane fa, il fatto che quest’anno la stagione estiva di tutte e tre le piscine scoperte di Lodi fosse stata assegnata alla Sporting Lodi. Sia per il sindaco sia per l’avvocato è stata decisa la custodia cautelare in carcere perché secondo i giudici nell’ultimo periodo avrebbero cercato di cancellare le prove a loro carico, “anche attraverso la formattazione di alcuni computer del Comune”, dice Sara Mantovani, sostituto procuratore di Lodi che ha seguito l’indagine.

Ascolta qui le dichiarazioni di Sara Mantovani

sara mantovani

Chi è Simone Uggetti

Quarantadue anni, Simone Uggetti è stato eletto sindaco di Lodi il 10 giugno 2013 al ballottaggio con il 53,62% dei voti. Una vita spesa nel partito, dal Pds ai Ds e infine al Pd, è stato consigliere comunale a Lodi dal 1995 al 2005, poi fino al 2013 assessore all’Ambiente, Urbanistica, Mobilità Sostenibile e Attività Produttive nelle due giunte comunali di Lodi guidate da Lorenzo Guerini.

Le reazioni politiche

“Ho conosciuto in questi anni Simone Uggetti come amministratore competente e accorto e come persona più che corretta e limpida. Detto questo, piena e totale fiducia nel lavoro dei magistrati, confidando che si faccia chiarezza con la massima rapidità”. Così il vicesegretario nazionale del Partito democratico Lorenzo Guerini, conterraneo e predecessore a palazzo Broletto di Uggetti, ha commentato l’arresto del primo cittadino lodigiano. Centrodestra e Movimento Cinque Stelle hanno attaccato parlando di un “problema morale” all’interno del Pd.

Aggiornato martedì 03 maggio 2016 ore 20:00
TAG
PoliticaLodiLombardiaPdPoliticaUggetti