Abraham Yehoshua

“Rilanciare la soluzione dei due Stati”

venerdì 13 maggio 2016 ore 23:57

“L’Europa si metta alla guida del processo di pace tra israeliani e palestinesi”.

La richiesta, l’appello ai Paesi del Vecchio Continente arriva dal grande scrittore israeliano Abraham Yehoshua: la leadership non può essere lasciata solo agli Stati Uniti. I quali, dice Yehoshua, non hanno fatto nulla per promuovere la pace, sono troppo faziosi nei confronti di Israele.

Incontriamo Abraham Yehoshua a margine della lectio magistralis che ha tenuto al Festival dei diritti umani di Milano: “Dalle donne ebree alle donne d’Israele”.

Un’occasione, anche, per parlare del presente e del futuro del Medio Oriente. A partire dalla questione demografica in Israele.

“Il tasso di natalità della popolazione araba in Israele è in leggero calo. E’ un fenomeno positivo: fanno meno figli perché si stanno lentamente modernizzando. Oggi rappresentano circa il 20% della popolazione e noi speriamo – se ci sarà la soluzione dei due Stati – che si integreranno nella nostra società. Certo, resteranno una minoranza nazionale all’interno del nostro Paese.In generale, dobbiamo dire che se si esaminano i 70 anni di esistenza di Israele – con tutti i problemi che ci sono stati con il mondo arabo, con le guerre, le occupazioni ecc… – le relazioni tra gli arabi d’Israele e la maggioranza ebraica sono state piuttosto tranquille, senza particolari violenze, nonostante tutto. Altra questione è quella dei Territori Occupati e della loro popolazione: ovviamente io non voglio che siano parte dello Stato ebraico e neanche loro lo vogliono. Il problema sono le colonie: creano una situazione in cui le due nazioni si uniscono, quindi dobbiamo trovare il prima possibile un modo per realizzare la “soluzione dei due Stati”, con una minoranza ebraica all’interno dello Stato palestinese – questo diventeranno i coloni – così come noi abbiamo una minoranza araba all’interno di Israele. Questa è la soluzione e dobbiamo realizzarla. E l’Europa deve muoversi velocemente, per imporla sia ai palestinesi sia agli israeliani” .

Perché l’Europa deve giocare questo ruolo e come lo farà?

“C’è una proposta della Francia per organizzare una sorta di conferenza internazionale riguardo alla questione palestinese. E’ molto importante, perché l’Europa deve prendere la guida. Finora è stata lasciata nelle mani degli Stati Uniti e gli Stati Uniti non hanno fatto nulla per promuovere la pace” .

L’Europa potrà fare di meglio?

“Se ci saranno altri Paesi europei che si uniranno alla Francia, che entreranno in una conferenza, in una convention internazionale, che diranno agli israeliani e ai palestinesi: questa è la soluzione, la soluzione che vogliamo e che dovete realizzare. Usando tutto il proprio potere nei confronti di Netanyahu, ma anche dei palestinesi – perché anche loro hanno delle riserve e non vogliono negoziare – per arrivarci. E non lasciando che a tenere le fila siano gli Stati Uniti, che sono completamente dalla parte di Israele” .

Lei è piuttosto critico nei confronti della politica di Israele…

“Certamente. Noi siamo a sinistra e lottiamo per la soluzione dei due Stati. Ma, vedete, quando ne parlavamo 40 anni fa nessuno voleva ascoltare. Oggi, invece, ne parla anche Netanyahu! Non so se poi ci creda davvero o no, ma quantomeno ufficialmente questa è la linea di Israele. Quindi dobbiamo fare pressione. Di questo si tratta” .

Aggiornato lunedì 16 maggio 2016 ore 15:23
TAG