comunali 2016

“Decisive per la destra, importanti per Renzi”

giovedì 26 maggio 2016 ore 16:00

Qual è la posta in gioco alle prossime elezioni comunali del 5 giugno?

A destra vincerà la linea di Salvini o quella di Berlusconi?

A sinistra, dopo le alleanze larghe del 2011, come andrà a finire tra i candidati omogenei alla segreteria renziana del Pd e quelli che vi si oppongono o giocano partite autonome?

E il M5S?

«Roma sarà decisiva per dire chi guiderà la destra e quale rapporto questa destra avrà con il Pd e con il M5S», racconta a Memos Piero Ignazi, professore ordinario di Scienza politica all’Università di Bologna.

Piero Ignazi

Piero Ignazi

«Il voto a Roma, Milano e Napoli – sostiene Ignazi – può essere interpretato come un voto pro o contro Renzi. Non direi la stessa per Bologna e per Torino».

Ignazi propone due considerazioni particolari per Napoli e Milano.

«Napoli – dice il politologo bolognese – rappresenta un suicidio politico per il Pd, con la scelta di non candidare Bassolino. Una scelta fatta per ragioni ideologiche o di fedeltà al capo (Renzi, ndr)».

Quanto a Milano il professor Ignazi esprime un rammarico per come è finita l’esperienza Pisapia. “Non è riuscita a diventare – dice – un’esperienza nazionale. Il caso milanese poteva essere una sfida interessante non solo per il mondo della sinistra fuori dal Pd, ma anche per il partito democratico stesso».

Ascolta tutta la puntata di Memos

Aggiornato venerdì 27 maggio 2016 ore 12:13
TAG