Movimento 5 stelle

“Realizzeremo noi il tuo sogno”

giovedì 14 aprile 2016 ore 19:15

Milano - Casaleggio se n’è andato, ma il Movimento 5 Stelle non finirà. Ne sono convinti gli attivisti che a centinaia sono arrivati a Milano per dare l’ultimo saluto al cofondatore, considerato con un padre geniale e visionario.

“Realizzeremo noi il tuo sogno”, era scritto sull’unico sobrio striscione ammesso dal servizio d’ordine. Controlli all’entrata e l’ingresso nella Basilica di Santa Maria delle Grazie riservato a eletti (i portavoce), amici e parenti.

Tra le persone fuori in attesa, soprattutto iscritti ed attivisti, oltre a qualche curioso. Tutti convinti che Casaleggio, cosciente della sua malattia, abbia preparato con cura la sua successione. Con l’affidamento della parte tecnica del blog al figlio Davide, e l’ultimo regalo, lanciato nel giorno della morte, la piattaforma online Rousseau, che servirà ad accrescere la partecipazione, votando per leggi, candidati, e offrendo strumenti per dirimere i nodi interni. Il passo di lato di Grillo non fa paura.

Tra gli attivisti, molti sono convinti che siano Luigi Di Maio e Alessandro Di Battista a dover prendere le redini del Movimento. Lo hanno dimostrato all’uscita del feretro.

Sull’applauso è partito un lungo coro, “onestà, onestà”. Poi gli auspici: “Vinciamo lo stesso”, “Andiamo avanti”, “Grazie Gianroberto”.

SONORO onesta

Mentre Beppe Grillo si è defilato, applaudito ma non osannato, a raccogliere il testimone sono sembrati proprio Di Maio e Di Battista. Hanno fatto un giro per la piazza, salutando le persone raccolte dietro le transenne ad incitarli, a chiamarli per nome. Poi sono andati a brindare insieme agli eletti e candidati, in un vicino bar. “Chi conosce Gianroberto sa che oggi ci avrebbe detto di spingere sul reddito di cittadinanza che è l’unica salvezza per questo Paese”, ha dichiarato Di Battista. Poi basta. La diffidenza nei confronti dei giornalisti resta la stessa di quando Casaleggio era in vita.

Aggiornato sabato 16 aprile 2016 ore 08:55
TAG