Rapiti dal luglio 2015

Libia, uccisi due ostaggi italiani

giovedì 03 marzo 2016 ore 12:03

Sono morti due dei quattro italiani rapiti lo scorso luglio in Libia nella zona di Sabrata, mentre erano in viaggio verso l’impianto petrolifero di Mellitah. I quattro sono dipendenti della ditta di costruzioni Bonatti di Parma. Il ministero degli Esteri ha diffuso questo comunicato che mostra prudenza, in assenza di prove definitive per il riconoscimento dei corpi, ma anche una ragionevole certezza sull’identità delle due vittime:

“Relativamente alla diffusione di alcune immagini di vittime di sparatoria nella regione di Sabrata in Libia, apparentemente riconducibili a occidentali, la Farnesina informa che da tali immagini e tuttora in assenza della disponibilità dei corpi, potrebbe trattarsi di due dei quattro italiani dipendenti della società di costruzioni ‘Bonatti’. Precisamente di Fausto Piano e Salvatore Failla. Al riguardo la Farnesina ha già informato i familiari. Sono in corso verifiche rese difficili, come detto, dalla non disponibilità dei corpi”.

Piano e Failla, con Gino Pollicardo e Filippo Calcagno, erano stati sequestrati nella stessa zona in cui sono stati trovati i corpi delle vittime della sparatoria. Ancora non è noto chi li avesse prelevati, ma sembra che – forse in un secondo momento – fossero finiti in mano a formazioni dell’Isis. Da capire anche chi siano stati i protagonisti degli scontri in cui nelle scorse ore i due dipendenti della Bonatti sarebbero rimasti uccisi. Con ogni probabilità i miliziani dell’ Isis che li avevano in custodia hanno dovuto affrontare le milizie di Sabrata, che nelle ultime settimane ha cercato di riprendere il controllo della città.

È dunque presumibile che, in un tentativo di fuga dalla città, gli uomini del Califfo siano stati intercettati dai miliziani locali (forse nei pressi di Surman) e ne sia nata la sparatoria costata la vita ai due ostaggi.

Aggiornato giovedì 03 marzo 2016 ore 19:58
TAG
MondoGuerraIsisLibiaTerrorismo