A Milano a "Bellissima"

La libertà secondo Liliana Cavani

domenica 20 marzo 2016 ore 21:02

Milano - A Milano per partecipare a un incontro con il pubblico a Bellissima, la fiera dell’editoria e della cultura indipendente, e per presentare la proiezione al Cinema Beltrade del suo “I cannibali”, girato a Milano, Liliana Cavani ci ha raggiunto durante Il Suggeritore, nella postazione mobile di Radio Popolare a Bellissima, insieme al regista Eugenio Cappuccio.

Si è rivelata l’ccasione per una conversazione sulla libertà d’espressione, non solo nel cinema ma in tutte le forme d’arte, sul disorientamento rispetto alla politica e alla cultura, sulla difficoltà per chi vuole affermare qualcosa con la propria opera d’arte di trovare visibilità.

Qualche ricordo di Liliana Cavani ci ha però anche aiutato a ricordare come fosse l’Italia appena qualche decennio fa: a metà degli anni ’70 “Il portiere di notte” fu tagliato dalla censura di allora non tanto per la sua provocazione politica ma perché in una scena di sesso l’attrice stava sopra il suo partner!

“I cannibali” documentava la Milano del 1969, quella dei grandi flussi migratori e dei mutamenti sociali, che si sarebbero riprodotti di lì a qualche tempo anche nel resto del paese. Lo aveva notato anche Luchino Visconti, che Liliana Cavani conosceva e della cui stima godeva, in “Rocco e i suoi fratelli.”

Il teatro è stato per Liliana Cavani soprattutto opera lirica, con tanti titoli di successo, fra cui la regia di “La Traviata” di Giuseppe Verdi alla Scala di Milano, con la direzione di Riccardo Muti e Tiziana Fabbricini che debuttava nel ruolo che era stato della Callas.

La recente regia di “Filumena Marturano” di Eduardo De Filippo ha permesso a Liliana Cavani di misurarsi anche con la grande prosa: di Eduardo la regista ricorda come ogni sera le repliche dei suoi spettacoli fossero diverse, inimitabili.

Ascolta l’intervista a Liliana Cavani per Il Suggeritore

liliana cavani a Bellissima

Aggiornato martedì 22 marzo 2016 ore 13:09
TAG
CulturaCensuraCinemaCulturaEditoriaLibriMilano