Lo sguardo da sinistra

Fassina: Giachetti non rappresenta il nuovo per Roma

lunedì 07 marzo 2016 ore 07:20

Stefano Fassina è il candidato per la sinistra nella corsa al Campidoglio. Commenta da avversario la vittoria di Roberto Giachetti nelle primarie del Pd.

“Il programma che esprime Roberto Giachetti è in continuità con tutto quello che abbiamo visto negli ultimi 20 anni a Roma. Non a caso lui è stato capo gabinetto della giunta Rutelli. Noi abbiamo bisogno di una netta discontinuità con quelle esperienze, con quei compromessi al ribasso che molte amministrazioni hanno fatto con diversi palazzinari e che poi hanno determinato i disastri che oggi conosciamo. A Roma c’è bisogno di una ricostruzione morale, economica e amministrativa”.

Vuol dire che Giachetti non è un volto nuovo…

“Non si tratta di volti nuovi, ma si tratta di scelte strategiche per la città e lui è in continuità con un modello che dobbiamo archiviare”.

Cosa ne pensa del calo di affluenza alle primarie?

“Conferma la bontà dell’analisi dalla quale siamo partiti per la mia candidatura: si è determinata una frattura profonda tra il Pde il popolo del centrosinistra. Ancora una volta c’è stato un crollo della partecipazione. Noi dobbiamo convincere i delusi che un cambiamento sia possibile”.

Come sarà la competizione per il Campidoglio?

“Spero sia focalizzata sui programmi. In queste settimane ho cercato di mettere al centro la questione del debito capitolino perché quella è la chiave di volta per mantenere poi le promesse che si fanno.  Dobbiamo ristrutturare quel debito perché assorbe ogni anno la metà dell’addizionale Irpef e che lascia le casse comunali prive delle risorse necessarie per la mobilità sostenibile e per il welfare, visto, per esempio, che si vogliono provatizzare gli asili nido. Spero si possa discutere di programmi e non fare chiacchere al vento”.

Quali sono le prospettive della sua candidatura?

“E’sostenuta da tutta la sinistra romana. Andiamo avanti. In queste settimane abbiamo trovato consenso in tanti pezzi della città che noi chiamiamo “La meglio Roma” perchè continua a combattere per la solidarietà, la legalità, per l’integrazione. E’quella Roma, la protagonista della riscossa della città”.

Aggiornato lunedì 07 marzo 2016 ore 16:47
TAG