Foto di agosto 2015 - da Amnesty Usa
Il portavoce Unicef

“A Idomeni violati i diritti dei bambini”

martedì 01 marzo 2016 ore 12:25

Le fotografie e le testimonianze che arrivano dalla frontiera fra Grecia e Macedonia parlano chiaro. Ci sono i bambini in quell’inferno fatto di filo spinato, fango e lacrimogeni. Ci sono loro, a volte con le loro famiglie, a volte da soli. Le immagini mostrano facce impaurite, disorientate, sporche.

Il 57 per cento dei profughi in arrivo in Europa in queste settimane sono donne e bambini, minori non accompagnati, scrive il Washington Post. Un cambiamento avvenuto rispetto solo alla scorsa estate, quando in prevalenza a viaggiare verso l’Europa erano giovani uomini soli. Donne e bambini a cui parenti e amici hanno consigliato di partire in fretta – perché questo sarebbe stato l’ultimo momento utile per farcela, prima della chiusura definitiva dei confini – sono quindi la maggioranza dei duemila richiedenti asilo che ogni giorno arrivano sulle isole greche dalla Turchia. E ora ingrossano quel “magazzino di anime”, secondo la terribile ma efficace espressione usata dal il viceministro per l’Immigrazione greco Ioannis Mouzalas.

L’assenza dell’Europa sta provocando anche questo: una gigantesca violazione dei diritti dei bambini. Lo denuncia ai nostri microfoni il portavoce dell’Unicef in Italia, Andrea Iacomini. Il trattato, noto come Convenzione per i diritti dell’infanzia, è del 1989, ed è stato ratificato praticamente da tutti gli Stati del mondo. Nella Convenzione viene sancito in particolare l’obbligo della tutela dei minori in movimento, specie se non accompagnati.

“Questo obbligo oggi viene violato da quei Paesi che bloccano con i muri il passaggio delle persone impedendo di fatto ai bambini una adeguata protezione”, spiega Iacomini. Che lancia un appello al governo italiano: “Abbiamo chiesto all’Italia di farsi portavoce di questa emergenza: i bambini non possono vivere nelle condizioni che stiamo vedendo al confine tra Grecia e Macedonia”.

Ascolta la denuncia di Andrea Iacomini, portavoce Unicef

iacomini unicef ok

I video della manifestazioni di questa mattina (1 marzo) per chiedere l’apertura dei confini, girati da Claudio gherardini.

 

Aggiornato giovedì 03 marzo 2016 ore 14:47
TAG