Coltivare tè in Cina

Foglie d’Oriente

martedì 02 febbraio 2016 ore 18:21

Lorenzo coltiva tè in Cina, che è un po’ come per uno straniero venire in Italia a fare la pizza.

E infatti funziona.

Da sempre appassionato di cultura orientale, qualche anno fa Lorenzo si innamora di una foresta tropicale nel sud della Cina. E riesce a comprarla ad un prezzo vantaggioso, ottenendo oltretutto il non trascurabile risultato di metterla in salvo dalla speculazione. Una foresta vergine, che lui e sua moglie decidono di lasciare intatta. Una foresta di alberi da tè, appunto.

Da lì l’integrazione della manodopera locale, il primo raccolto e soprattutto imparare un mestiere nuovo e non facile, in un contesto che è difficile immaginare più diverso da ciò a cui siamo abituati. Clima, paesaggio, cultura, lingua naturalmente. Ma anche leggi, banche, prestiti, permessi. Un cambio radicale verso un luogo in cui non c’è la minima traccia di occidente a cui appigliarsi. Ma per Lorenzo non sembra essere un problema, anzi. Più volte mi dice di come la qualità della sua vita sia decisamente migliorata.

Oggi Eastern Leaves è una realtà, giovane ma solida. E anzi, Lorenzo apre la sua terra a chiunque abbia buone idee e voglia di collaborare per farle fruttare.

Se anche tu sei un Pioniere e vuoi raccontarci la vita che ti sei inventato scrivi a pionieri@radiopopolare.it

Ascolta la puntata

 

Pionieri – inventarsi la vita – è un programma a cura di Gianpiero Kesten e va in onda ogni giorno da lunedì a venerdì alle 13.30 su Radio Popolare.

Aggiornato giovedì 04 febbraio 2016 ore 08:52
TAG