È morto Franco Citti

Gli ultimi ragazzi di vita

venerdì 15 gennaio 2016 ore 08:09

“Voglio morì cosi co tutto l’oro addosso. Come i faraoni.”

Franco Citti in Accattone narrava il suo essere ragazzo di vita, quello dei suoi amici e compagni di strada. Era il 1961, il primo film di Pasolini dedicato al sottoproletariato di periferia, tra ladruncoli e prostitute.

http://youtu.be/VnzM0-AKfB0

Franco Citti conobbe Pier Paolo Pasolini negli anni Cinquanta quando il regista friulano lasciò Casarsa per insegnare nella capitale. Franco, come il fratello Sergio, Vincenzo Cerami e tutti gli altri ragazzi di vita, in Pasolini trovò un punto di riferimento, un’educazione, una speranza di riscatto. “Piacere Pasolini” – “Io so Franco”, raccontava Citti qualche anno fa nel suo libro autobiografico Vita di un ragazzo di vita.

Il punto di partenza di una lunga amicizia e di una carriera cinematografica che in Franco Citti si esprimeve in verità, in strada.

Aveva 80 anni e da un paio era bloccato su una sedia a rotelle. Memorabili i suoi personaggi da Accattone a Mamma Roma. E ancora Edipo Re, Decameron, Porcile un volto che diventava la carne di un certo cinema di Pasolini, quello più dialettale e di borgata. Franco lavorò anche con il fratello Sergio Citti, come attore in Ostia, Casotto, I magi randagi ma anche con Carlo Lizzani in Requiescant.

Francis Ford Coppola lo chiamò nel 1976 a recitare ne Il Padrino. Con Federico Fellini lavorò in Roma, con Elio Petri in Todo Modo, con Bernardo Bertolucci e con Carmelo Bene in teatro.

Franco Citti se ne va  con un altro grande attore. Lo stesso giorno di Alan Rickman, ironia e talento britannici, volto simpatico, comicità raffnata ed elegante, noto a tutti per il personaggio di Piton in Harry Potter. Ma la sua carriera è ricchissima, dal teatro e le opere di Shakespeare, alla commedia britannica, Robin Hood, Tim Burton, uno 007, Die Hard fino alla recentissima regia di Le regole del caos.

image

Aggiornato venerdì 15 gennaio 2016 ore 19:14
TAG
CulturaCinemaCronacaCulturaRoma