centrosinistra/primarie

Parisi: saggi i sindaci, a Milano scelgo Balzani

giovedì 10 dicembre 2015 ore 14:44

«E’ una lettera saggia, se pensiamo al governo del paese e non solo alla paura per la destra».

Arturo Parisi, tra i fondatori del Pd nel 2007 e prima ancora dell’Ulivo insieme a Romano Prodi, approva la lettera-appello dei sindaci Pisapia, Doria e Zedda all’unità di tutto il centrosinistra.

Parisi racconta a Memos di non essere più iscritto al Pd: «mi considero un partecipante, innanzitutto come elettore – dice il professore – . Ormai la modalità con cui si sta in campo è molto più ampia di quella riconducibile al profilo della tessera e dell’iscrizione». Parisi è stato sottosegretario alla Presidenza del Consiglio nel primo governo di Romano Prodi (tra il ’96 e il ’98), ministro della difesa nel secondo governo Prodi (biennio 2006-2008) e ha seguito passo passo la storia del centrosinistra di questi ultimi vent’anni.

«Quella dei tre sindaci è una lettera saggia – dice l’ex ministro – pensando al centrosinistra e ancor più saggia pensando a quella parte che ama definirsi la sinistra e alla quale fanno riferimento i sindaci».

Secondo lei, Pisapia e gli altri sindaci con l’appello all’unità del centrosinistra hanno voluto spiazzare sia Renzi che i critici del leader del Pd? Come sappiamo per entrambi, e per ragioni diverse, il centrosinistra non è più una priorità.

«Spiazzare è un termine forte e spettacolare – sostiene Parisi – . Direi che hanno voluto aprire un dibattito. Dobbiamo riconoscere che il centrosinistra non ha mai cessato di esistere: a livello locale ha continuato a vivere come un campo largo e aperto, anche se oggi la nostra attenzione è tutta concentrata sul livello nazionale».

Con quella lettera i sindaci hanno voluto aprire, con due anni d’anticipo,  la discussione congressuale dentro il Pd sulle alleanze?

«Forse è eccessivo. Ho visto che esiste anche una linea di lettura che addirittura ipotizzerebbe che Pisapia possa porsi come alternativo a Renzi nella guida del centrosinistra. Credo, invece, che l’orizzonte di questa lettera sia innanzitutto l’appuntamento delle elezioni amministrative con la conferma o l’allargamento delle esperienze di centrosinistra al governo locale».

Veniamo a Milano, le primarie del centrosinistra. Giuseppe Sala viene proposto come candidato sostenuto da Renzi. Quella di Sala, secondo lei, è una candidatura coerente con la storia milanese del centrosinistra di questi ultimi anni?

«A occhio mi sembra di no. Vorrei approfondire meglio, non sono un cittadino milanese. Tuttavia è un tema che affrontiamo all’interno della competizione democratica. Da questo punto di vista ho ascoltato l’altra sera le riflessioni avanzate dalla candidata (Balzani, ndr) che si annuncia alternativa, e più immediatamente prossima a Pisapia: senza dubbio l’ho sentita a me più vicina. Se fossi a Milano non avrei difficoltà a dichiarare la mia prossimità».

La conversazione con Arturo Parisi, nel corso della puntata di oggi di Memos, si conclude sull’Europa. L’ex braccio destro di Prodi esprime un giudizio negativo sui leader attuali: Merkel, e ancor di più Hollande – sostiene Parisi – sono leader nazionali senza una statura europea».

Ascolta l’intervista ad Arturo Parisi

Aggiornato giovedì 10 dicembre 2015 ore 16:21
TAG
ItaliaBalzaniMilanoPisapiaPoliticaPrimarieRenziSala