Frontiere chiuse

La Svizzera discute sulle quote per i migranti Ue

sabato 05 dicembre 2015 ore 09:11

La Svizzera introduce le sue quote migranti. Ma non sui profughi: sui transfrontalieri e sugli immigrati che dall’Unione europea che varcano i confini per lavorare. Il Consiglio federale ha discusso come limitare l’ingresso dei cittadini europei nella Confederazione. Lo si legge in un comunicato diffuso il 4 dicembre: “Il Consiglio federale ha oggi incaricato il DFGP (il Dipartimento federale della giustizia e polizia, nda) di elaborare, in parallelo ai colloqui in corso con l’UE, una clausola di salvaguardia unilaterale, che regoli l’immigrazione limitando temporaneamente e in modo mirato la concessione di permessi per persone provenienti dagli Stati dell’UE/AELS (Islanda, Liechtenstein, Norvegia)”.

I nuovi provvedimenti saranno inseriti nell’Accordo sulla libera circolazione (Alc). Nel testo si legge anche la deadline per introdurre le nuove quote: “Il Consiglio federale ha incaricato il DFGP di elaborare, in collaborazione con il Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE) e il Dipartimento federale dell’economia, della formazione e della ricerca (DEFR), un pertinente messaggio entro l’inizio di marzo 2016”.

Lo straniero che perderà il lavoro, non otterrà alcun sussidio di immigrazione. Altra indicazione che mostra come la “clausola di salvaguardia” introdotta per i transfrontalieri, è un modo per liberarsi degli stranieri nel Paese. Il progetto votato del Consiglio federale “riteri che stabiliscono quando uno straniero perde il diritto di soggiorno in seguito a cessazione dell’attività lucrativa e prevede uno scambio di dati tra le autorità in caso di ricorso alle prestazioni complementari”.

La possibilità di mettere un blocco agli ingressi in Svizzera è prevista dalla Costituzione. Già nel passato il partito di governo, il conservatore Udc, aveva fissato un limite ai transfrontalieri. Era il febbraio 2014 e un referendum aveva dato una vittoria schiacciante alla chiusura delle frontiere. Il provvedimento di venerdì segue la scia “contro l’immigrazione di massa”, con l’idea di “proseguire le consultazioni con l’Unione europea sulla gestione dei flussi”. L’Udc ha ottenuto la maggioranza anche alle ultime elezioni della Camera bassa con il 29,5 per cento dei voti.

Aggiornato domenica 06 dicembre 2015 ore 02:59
TAG