Cop 21, storico accordo

Greenpeace: sul clima la partita comincia adesso

domenica 13 dicembre 2015 ore 06:19

È stato il Presidente di Cop 21 Laurent Fabius a dare l’annuncio tanto atteso alla Conferenza sul Clima di Parigi: l’accordo è stato raggiunto. Dopo quasi due settimane di negoziato, i delegati dei 195 Paesi ce l’hanno fatta. L’accordo è un passo avanti rispetto alla bozza iniziale, e i punti salienti sono tre. Il tetto al rialzo della temperatura è stato fissato a 1,5 gradi anziché 2. Sono diventati più stringenti gli impegni sul fronte economico per i paesi in via di sviluppo: 100 miliardi l’anno a partire dal 2020. E c’è l’impegno a rivedere i programmi nazionali contro i gas serra ogni 5 anni.

“Sicuramente è successo qualcosa di importante, ci dice il direttore esecutivo di Greenpeace Italia Giusepe Onufio, anche se, come ci aspettavamo, non è un successo che risolve il problema ma mette in moto un processo. Questo non era mai avvenuto. Nel testo ci si riferisce, anche in un modo un po’ contorto, alla necessità di azzerare le emissioni nette nella seconda metà del secolo. Ma siccome il testo fa riferimento espressamente alla commissione intergovernativa dei cambiamenti climatici, l’interpretazione corretta è quella secondo la quale va seguito lo scenario della commissione e quindi sostanzialmente vanno eliminate le fonti fossili grosso modo nella metà del secolo. Sul piano finanziario – prosegue Onufrio – l’accordo è meno buono di quello che avrebbe dovuto essere, ma i cento miliardi per i paesi poveri ci sono. Diciamo che si è fatto qualcosa di più di quello che fino adesso si era promesso. Almeno nel testo finale questo aspetto è migliorato. Non c’è un riferimento preciso alla deforestazione e ciò rende i riferimenti ai popoli indigeni più deboli. Nel complesso direi che la partita vera comincia adesso. Non pensiamo che questo sia un punto di arrivo, ma un punto di possibile partenza per fare sul serio.

Aggiornato lunedì 14 dicembre 2015 ore 09:46
TAG