la ricerca

Le donne del Jihad

sabato 21 novembre 2015 ore 00:41

Le cronache di questi mesi e di questi giorni raccontano che il Califfato islamico recluta anche parecchie donne. Giovani, soprattutto. Alcune, come abbiamo visto con gli attentati di Parigi, fanno parte dei commando e arrivano a farsi esplodere. L’International Centre for Counter-Terrorism (ICCT) dell’Aja ha pubblicato quest’anno il rapporto “Le jihadiste europee in Siria: alla scoperta di un fenomeno poco esplorato”. Radio Popolare ha intervistato Seran de Leede, la ricercatrice che ha curato la pubblicazione insieme a Edwin Bakker, docente di Studi sull’antiterrorismo all’Università di Leiden (Paesi Bassi).

Chi sono

Non è possibile dare una risposta univoca perché non esiste un solo profilo tipico. La maggior parte di queste donne sono giovani, tra i 15 e i 25 anni, sposate da poco. E ci sono anche casi di madri che si spostano con i propri figli. Ma spesso si muovono da sole o con delle amiche. Alcune di queste ragazze hanno una buona istruzione ma sappiamo di molte ragazze che a scuola hanno fatto fatica, ragazze vulnerabili e influenzabili. Ci sono però anche donne molto forti e devote alla causa. Molte provengono da famiglie di fede musulmana, altre da famiglie non religiose; da famiglie numerose o da piccoli nuclei famigliari. Direi che l’unico vero tratto comune è la loro giovane età e l’abitudine a indossare un niqaab nero, il velo che copre anche il viso.

Da dove vengono

Nel nostro studio abbiamo preso in analisi diversi Paesi occidentali, in particolare Olanda, Germania, Gran Bretagna, Francia, Austria. Ma le donne del Jihad arrivano praticamente da tutto il mondo. Sappiamo di casi provenienti dagli Stati Uniti, dall’Australia, dagli altri Paesi europei e dallo stesso Medio Oriente.

Quante sono

Il nostro studio è stato pubblicato ad aprile 2015, le cifre più aggiornate a quella data indicavano circa 550 donne provenienti dall’Europa occidentale. Questo numero è verosimilmente aumentato negli ultimi mesi, ma potete immaginare quanto sia difficile stabilire l’esatta entità delle ragazze che hanno raggiunto la Siria per unirsi al Jihad. Pensiamo comunque che le donne europee siano il 18 per cento dei “foreign fighters” provenienti dal nostro continente. A livello globale, invece, le donne che fanno parte del Califfato (che quindi provengono anche da altri continenti) sono il 10 per cento del totale.

Che ruolo hanno

Per quello che possiamo sapere, solo in casi eccezionali queste donne vanno a combattere in prima linea. Il loro è più che altro un ruolo di supporto: per esempio si prendono cura dei “jihadi fighters” feriti, badano alla casa e ai figli. Ma hanno anche un ruolo di appoggio logistico e soprattutto propagandistico, diffondendo l’ideologia jihadista attraverso i social media: postano foto di brutali esecuzioni e le commentano, le celebrano e inneggiano ai loro uomini come eroi e vincitori.

Che cosa le spinge

Esattamente come per gli uomini, non c’è mai un solo fattore ma una combinazione di motivi. Crediamo che la spinta principale sia la volontà di difendere la comunità musulmana che ritengono minacciata. Di conseguenza sentono come un dovere, motivato dall’ideologia e dalla religione, far parte del Califfato, che le ha chiamate a raccolta, e contribuire alla sua affermazione. In alcuni casi prevale l’idea di un nuovo inizio rispetto a una vita che non offre sbocchi o rispetto a esperienze problematiche o a episodi di esclusione che hanno vissuto nella loro infanzia. Poi c’è un forte senso di appartenenza e la necessità di dare una direzione precisa, un obiettivo alla propria vita. E, ancora, non va sottovalutato l’elemento della fascinazione: la propaganda ritrae i jihadisti maschi come figure eroiche e virili, come guerrieri invincibili, disposti a morire per la causa, e le donne come mogli ubbidienti. Per queste ragazze gli uomini del Califfato sono molto attraenti e diventa un onore servirli. Sarebbe però sbagliato pensare che si tratti di donne ingenue e docili: spesso sono determinate e fedeli alla causa tanto quanto i loro uomini. Lo abbiamo visto durante il recente blitz a Saint Denis, dopo gli attentati di Parigi, alcune donne sono disposte a farsi esplodere. Il nostro monitoraggio dei social media ci ha mostrato chiaramente che le donne spesso postano commenti in cui si dicono pronte alla lotta armata. Sempre che dietro a quegli account ci siano davvero delle donne, ovviamente su questo non possiamo avere la certezza assoluta.

Aggiornato domenica 22 novembre 2015 ore 00:28
TAG
MondoArmiFranciaGuerraIsisParigiSiriaTerrorismo