Marcello De Cecco
Marcello De Cecco

Ttip, Tpp: i trattati della globalizzazione americana

giovedì 22 ottobre 2015 ore 07:00

Un trattato già firmato (Tpp) e un altro ancora in alto mare (Ttip). In gioco c’è la riscrittura delle regole della globalizzazione economica e gli Stati Uniti sono gli attori principali su entrambi i tavoli. Una decina di giorni fa Washington ha chiuso l’accordo con il Giappone e nove paesi dell’area del Pacifico, Cina esclusa. Siamo invece ancora nella fase delle trattative con l’Unione Europea. E’ finita l’era del Wto, l’organismo multilaterale di 161 paesi fondato vent’anni fa? Perchè gli Stati Uniti preferiscono trattare accordi di libero scambio “bilaterali”, con specifiche aree del mondo, e non muoversi all’interno di intese globali, multilaterali?

Memos ne ha parlato oggi con Marcello De Cecco, economista alla Scuola Normale di Pisa e alla Luiss di Roma. A proposito del Ttip De Cecco ha un’idea precisa, lo ha scritto di recente e lo ha confermato a Memos: “l’obiettivo del trattato è fungere da veicolo per indebolire definitivamente le strutture dello stato sociale a vantaggio delle grandi imprese, europee e specialmente americane”. Perchè gli Stati Uniti escludono la Cina dagli accordi di libero scambio nell’area del Pacifico? «E’ un modo nuovo di guardare alla Cina, alle liberalizzazioni cinesi. Finora sono andate bene a Washington, ma ad un certo punto – racconta De Cecco – è accaduto che qualcuno (negli Stati Uniti, ndr) si è rifatto un paio di conti e ha realizzato di avere il fiato dei cinesi sul collo. Hanno pensato che il “comunismo capitalistico” cinese di oggi possa essere più pericoloso del “comunismo semplice” del passato». Ma gli Stati Uniti possono fare a meno della domanda di beni dalla Cina? «C’è un’opzione alternativa che consiste nel sostituire la domanda cinese con il riarmo, anche perchè si è visto che in Cina è finita la fase di crescita al 10% annuo. Direi che messa in questi termini la situazione è preoccupante, lo abbiamo già visto in passato con la corsa agli armamenti si va a finire male».

Aggiornato lunedì 30 novembre 2015 ore 16:31
TAG