Congo

La repressione del presidente Nguesso

giovedì 22 ottobre 2015 ore 16:36

Internet mobile, i servizi di messaggeria mobile e il segnale della radio francese, Rfi, una delle più ascoltate, sono stati interrotti nella capitale della Repubblica del Congo, Brazzaville e nella capitale economica del paese, Pointe Noire.

Le autorità hanno preso questa misura drastica dopo che oltre 300 mila persone hanno manifestato per le strade di Brazzaville contro l’annuncio del presidente della Repubblica, Denis Sassou Nguesso, di voler indire un referendum costituzionale. Sono soprattutto due le misure cui Sassou Nguesso, 71 anni, pensa: alzare l’età massima dei candidati alla presidenza e cancellare il limite dei due mandati.

La manifestazione di Brazzaville è stata organizzata dai leader delle due principale piattaforme dell’opposizione, l’Iniziativa per la democrazia congolese e il Fronte congolese per la difesa della democrazia. Il presidente del Congo è stato definito “un danno per la democrazia”. I manifestanti portavano cartelli con scritto: “E’ sufficiente” e “32 anni al potere sono troppi”.

Le opposizioni sostengono che il referendum costituzionale sia una semplice manovra di Nguesso per poter fare un terzo mandato. L’opposizione chiede un’alternanza democratica – con uomini nuovi – e minaccia che se Nguesso continuerà a voler organizzare il referendum, faranno scendere tutto il popolo nelle strade.“Il popolo congolese – aggiungono – non è in pace, è stato sacrificato sull’altare dell’egoismo”. I leader dell’opposizione, infine, chiedono ai loro militanti di non partecipare alla revisione delle liste elettorali lanciata dal governo: “Noi siamo per il rispetto della Costituzione, vogliamo che il popolo scelga liberamente il suo presidente, perché il Congo possa avere un presidente che non sia Nguesso. Trentadue anni al potere sono troppi”.

Per ora il tutto è gestito dalle opposizioni che sono manovrabili e sensibili alle promesse del potere. Resta da vedere se la protesta assumerà la forma della contestazione generalizzata di tutta la società civile, come è accaduto in Burkina. Sta di fatto che in queste ore nessuna potenza europea o occidentale ha rivolto un monito al presidente a rispettare la Costituzione.

Così pronti ad esportare la democrazia in altre occasioni, qui l’Occidente rispetta un silenzio che sa di omissione.

Aggiornato lunedì 30 novembre 2015 ore 16:50
TAG
MondoAfricaCongo