La Lega Nord

I legami con la lobby delle armi

mercoledì 21 ottobre 2015 ore 13:50

Che la Lega trasformi un fatto di cronaca in una campagna politica non è una novità.

Questa volta, il boccone è stato, tra l’altro, particolarmente ghiotto: un pensionato italiano, residente in provincia di Milano, che spara, e uccide un ladro romeno, entrato in casa sua per un tentativo di furto. E la magistratura che, per eseguire tutti gli accertamenti e valutare se sussistano i presupposti per riconoscere l’eccesso colposo di legittima difesa o la pura legittima difesa, incrimina il pensionato per omicidio volontario.

La Lega si è subito schierata a favore del pensionato, con il presidente lombardo Roberto Maroni che ha fatto sapere che sarà la Regione (con soldi pubblici e uno stanziamento ad hoc nel bilancio regionale) a pagare le spese processuali dell’uomo; e con il segretario federale Matteo Salvini che ripete che il romeno “se l’è cercata”, e promette la discussione in parlamento di una proposta di legge, già presentata, che permetterà al cittadino che viene aggredito di difendersi sempre e comunque.

Fin qui, la stretta cronaca. Ma la Lega è storicamente sensibile agli interessi del mercato delle armi (e dei suoi fabbricanti). Era il 2011 quando l’allora presidente del consiglio Silvio Berlusconi fece l’ultimo regalo a Umberto Bossi, accettando di inserire nella legge di stabilità un codicillo che in pratica cancellava il catalogo delle armi comuni da sparo, rendendo nulla la distinzione tra armi leggere e pesanti, e permettendo così a chiunque l’acquisto di entrambe le tipologie.

E ancora, siamo nel 2014, il consiglio regionale della Lombardia approvò una mozione, firmata dalla Lega ma votata da tutto il centrodestra (e pure da un consigliere Pd, Corrado Tomasi), a favore delle imprese che esportano armi. La mozione in pratica chiede al governo di modificare le norme nazionali (che avevano recepito il regolamento europeo in materia) per ridurre i vincoli burocratici alle aziende lombarde del settore delle armi.

Tra i più entusiasti sostenitori, Fabio Rolfi, leghista e bresciano come il consigliere Pd Tomasi. Per la cronaca, nel bresciano ci sono le più importanti industrie del settore delle armi: la multinazionale Beretta, leader mondiale, ha sede a Gardone Val Trompia. Paesino che ospita anche la Tanfoglio, altro colosso delle armi, che esporta circa l’85% della sua produzione.

Aggiornato lunedì 30 novembre 2015 ore 16:25
TAG