Legge Stabilità

Austerità addio? Renzi rinvia la svolta

martedì 20 ottobre 2015 ore 19:05

La legge di stabilità del governo Renzi, a quasi una settimana dall’approvazione del Consiglio dei ministri, non è ancora arrivata in Parlamento. Non esiste quindi ancora un testo ufficiale a disposizione delle Camere. Lo conferma a Memos Guglielmo Epifani, deputato del Pd, presidente della Commissione attività produttive.

La svolta dell’uscita dall’austerità, più volte promessa da Renzi, neanche quest’anno è arrivata con la legge di stabilità. Epifani, però, vede ugualmente dei segnali “espansivi”: «C’è un carattere espansivo – dice Epifani – perchè la legge di stabilità evita che scattino le cosiddette clausole di salvaguardia, cioè l’aumento dell’Iva e delle accise, e lo fa non attraverso tagli di spesa, ma grazie ad un aumento della flessibilità sul debito concessa dall’Europa».

Guglielmo Epifani

Guglielmo Epifani

Cosa manca a questa manovra? «La vera critica da fare alla finanziaria – racconta Epifani – riguarda il Mezzogiorno. In questi anni la distanza tra il Sud e il resto del paese è aumentata. Il Sud si sta lentamente desertificando. Occorre dotarsi di strumenti – legati ai fondi europei – che garantiscano chi vuole fare impresa nel Mezzogiorno». Renzi aveva annunciato lo stop all’austerità, ma non è così. Perchè? «Secondo me è successo questo: attorno all’austerità si sono costruiti strumenti di controllo, una cultura, una politica, e poi ci si è resi conto che paesi che hanno particolari difficoltà (evidente è il caso della Grecia) muoiono. Quindi si sta superando nei fatti una logica di pura e rigida applicazione di quei trattati, ma senza dirlo. C’è una specie di doppia coscienza: da una parte si dice che c’è un rispetto delle regole e dall’altra non si fa così».

Ascolta la puntata di Memos

Aggiornato giovedì 29 ottobre 2015 ore 19:42
TAG